Un giorno...
Un giorno!
...ne manca uno solo e poi in un modo o nell’altro sarà tutto finito.
Ormai er mio è un appuntamento quotidiano co na certezza,
l’unica che ciò adesso, a parte te.
E su sta certezza me ce costruisco le giornate e insieme me ce distruggo er cervello…
Tante cose me iniziano a esse chiare, tante rimangono oscure e tante manco so come definille!
E poi, chi me lo dice che quelle chiare nun so ‘nvece sbajate? Boh.
Fatto stà che…
Altro messaggio…
Mo te racconto.
Allora, la solita busta da lettera spillata tutta intorno,
come l’ultima volta smezzata, ma…
Stavolta niente impronte de dita!
Ar solito posto, invece, c’è... come un bacio,
cioè no stampo fatto co du labbra, cor rossetto,
sembrano de donna…
Oh, nun t’agità! Te l’ho detto, nun c’ho niente da nasconne, altrimenti nun te ne parlerei manco no?
E poi.. chi ce lo dice che è na donna? Può esse ‘n depistaggio no?
Oppure se nun è uno solo, e a sto punto penso pure io così, magari uno de loro è na donna, ma sempre de maniaca se tratta e le maniache vere mica possono esse tutte belle come nei film no??
…anche se st'intuizione de Pino e Marina, cioè era geniale però, c’ho ripensato, ma nun me convince…
Me sembra banale che sti du maniaci vojano fa le cose a tre co me…
Cioè, banale…, lo so che so un ber pezzo d’omo però sti giochetti nun me piacciono proprio!
E poi c’ho già l’amore mio, che sei tu, a che me serve de fa le cose strane?
Insomma, sopra c’è scritto: the rules, che significa le regole no?
Cioè, …le regole? …Ma de che?
Ma mo se mettono pure a dettà legge? Ma chi se credono de esse?
E poi legge a casa mia??
Vabè, insomma, ho cercato de calmamme,
altrimenti je stavo quasi pe da na capocciata alla cassetta della posta
(e meno male che nun ho incontrato er vicino oggi),
…e me la porto dentro casa.
Me tolgo er giacchetto e vado ar bagno,
poi vado ‘n cucina a beve ‘n goccio d’acqua e metto a fa bollì la pentola pe coce du rigatoni,
quindi stenno i panni,
annaffio la pianta
(cioè, nun è che me so fatto condizionà dalla foto de google, però ho deciso che vojo meno grigio nella vita mia e allora ho comprato ‘na piantina de basilico. Ah… oggi ho smesso pure de fumà!),
me metto un po’ a pensà se fa er soffritto co cipolla o aglio e alla fine scelgo la cipolla, vabè, tanto comunque nun ce vedemo stasera no? C’hai danza der ventre no?
Mmmhh…
Vabè, lo sai, nun so tipo che se tira indietro ed fronte a niente e quindi, a sto punto…
Fatte tutte ste cose che dovevo fa, me siedo.
Apro er pacchetto come ar solito…
e lascio scivolà fuori er contenuto sur tavolo.
Prima esce una specie de scatoletta de plastica, trasparente, piccoletta, co dentro na roba gelatinosa blu,
che me sembra gelatina pe capelli…
cioè… nun ce credo, fanno pure i simpatici questi??
L’apro co difficoltà pe odoralla… certo, a ripensacce adesso, e se era ‘n veleno?
Comunque alla fine nun puzzava de niente… e a morì nun so morto, ok, ma che vordì??
E’ solo na presa per culo oppure significa qualcosa? Me riducono na gelatina? Ce provassero!
Per il resto…
Un triangoletto de iuta, che guarda, nun me vojo manco chiede che possa significà, anzi, ho deciso, secondo me j’è cascato nella busta pe sbajo!!
…e poi tutti pezzetti de carta, pezzetti co scritte parole mezze tajate, in sostanza... un puzzle.
Hai capito? Un puzzle come pei regazzini!
Immagino solo quanto se siano divertiti a fa sti giochetti st’infami!
A pensà a quanno me ce sarei ritrovato davanti!
Comunque me metto lì co pazienza e, tra l’altro, co na certa scioltezza, rimetto tutto ar posto giusto…
e m’appare scritto questo:

1. Esci di casa ore 13 (1 novembre)
2. Non fare domande
3. Torna a casa alle 8 pm in punto
4. Vestiti comodo
5. Saluta amici e parenti

Eeeehhh?!? …Esco de casa mia quanno me dicono loro? Nun faccio domande? Torno quando dicono loro? Me vesto come dicono loro e saluto chi dicono loro?
Ma chi so questi? Ma che se credono che so lo zimbello loro? Er sorcio ‘n gabbia co cui giocà?
Chi è che te po’ da n’appuntamento der genere così sicuro che farai quello che s’aspettano?
Eppure nun hanno nominato ostaggi…
certo, se nun me risponni subito, me preoccupo…
e se nun te trovo… je meno a quella culona dell’insegnante tua!
Senti, …ma nun è che pe arrotondà consegna per caso le pizze??
Aaaaaaaahhhh!
Me sto a spreme le meningi co tutte e due le mani ma niente!
…a sto punto penso d’avecce ‘n purè bruciato ar posto der cervello!
Ragionando, chi è che po’ conosce er destino mio così bene da sapè quello che farò domani??
Chi? Dio? …ce lo vedi co le forbicette a tajà er messaggino a pezzetti??
Oh cazzo… però…
oggi è er giorno dei morti.
E se fosse…
la morte???
me sta a salì 'n brivido freddo dentro...
…Me vado a fuma na sigaretta,
risponneme appena puoi.

RickMor Pan
RickMor Pan

Oggi sono un ricercatore. Quando sarò stanco di cercare scriverò ciò che ho trovato. Nel frattempo ogni tanto scrivo…
Sono tante cose e forse nessuna per davvero. Ma fare ciò che si ama sempre è più che abbastanza no?

Suoi ultimi post

4 Commenti

  1. eh eh... beh, forse no...
    ...felice halloween Sara e grazie della condivisione dell'ansia 😉

  2. ..... Inquietante ......


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito