M’hai ammazzato…
Cioè, so morto ora, sul serio…
Ma mai avrei immaginato potesse esse così…
Bello!
Durante l’ultime ore dell’attesa so stato a trovà i miei;
ho rivisto la casa de quando ero ancora ‘n sorcetto d’omo;
ho bevuto co mi padre un caffè necessariamente arricchito de ciambellette ar vino;
ho rivisto mi fratello… j’ho dato du cazzotti e se semo fatti du risate insieme;
Tutto qua.
Già, nun j’ho detto niente. Nulla.
L’ho solo salutati, come pe rivedecce solo tra pochi giorni.
E poi ho cercato de occupà er tempo…
E sto tempo nun passava!
Me so ritrovato persino in un centro commerciale…
Sai quanto li odio…
Tutta sta gente che pe riempì na vita vuota de se stessa la rimpinza de illusioni.
Ho girovagato.
Ah, ho comprato le spazzole nuove dei tergicristalli…
Ho pensato ridendo, nun sia mai fossi dovuto annà co la macchina nell’aldilà e piovesse pure!
Ho fatto du foto ar tramonto che se nascondeva dietro na ragnatela de rami de pino…
In fondo, come me, stava pe annà a morì, eppure mai è così bello.
E alla fine s’è fatta l’ora.
Arrivo davanti casa.
Me sdraio sur sedile pei due minuti che mancano alle 8 pm esatte.
Poi esco.
La luce dentro è accesa.
C’è qualcuno.
Ce siamo. Me ripeto che so pronto.
Giro la chiave der cancelletto.
Arrivo ar portoncino der palazzo e apro, piano piano,
apro e tendo l’orecchio.
In casa mia c’è musica…
Musica, quella che piace a te, Mozart me pare…
Apro…
Apro e ce sei te che me guardi…
E ce sei te distesa sur divano che c’hai quer sorriso stanco e bello de quando dopo na giornata de lavoro e de corse, tutte e due morti ce ritrovamo comunque a sta semplicemente insieme…
Er tavolo è apparecchiato, pe due.
Apparentemente nun ce stanno ne Pino ne Marina, ne nessuno della mala cinese (anche se, l’ammetto, per un attimo ho pensato potesse esse na trappola), ne mariti gelosi, ne ‘r fattorino della pizza, ne la culona della maestra tua, ne la morte, vestita a festa…
Io e te, na tovaglia de iuta, na brocca co du rami de pepe fiorito, du bicchieri da vino rosso assetati de sangue d’uva, du piatti, in uno er epzzo de specchio, nell'altro er pezzo de corteccia…


la iuta, lo specchio, la corteccia

Io, co la bocca e l’occhi da pesce lesso, te, cor sorriso tuo de chi l’ha saputa come ar solito più lunga.
Cioè, hai visto come stavo?
Me s’è spannato ad un tratto er cervello e… la iuta… ma, allora…, cioè, nun me dì che…
Si, nun ce credevo!
Avevi fatto tutto questo pe me? Pe me?
M’hai fatto ammatti pe na settimana e sei riuscita a tenette tutto dentro??
(Ma, secondo te… , cioè dimmelo te prego, so stato un fesso a nun capillo? Era difficile no? anzi, so stato arguto no?)
Comunque…
Lo so che avrei dovuto seguì l’istruzioni e sedemme a tavola senza fa domande ma, scusame, nun ce l’ho fatta a nun baciatte, eri troppo bella…
(Vabè, poi so stato bravo a rientrà subito nei ranghi no?)
Me siedo a tavola e trovo ad aspettamme un bigliettino chiuso da no stuzzicone, e dentro er più bell’augurio de buon viaggio che abbia mai ricevuto, si, perché se trattava de viaggià co te…
(unico appunto, er ritratto mio… cioè, che c’ho la capoccia così? E l’occhi? …vabè, ne riparlamo)
Me dici che hai organizzato tutto pe ricordà er viaggio nostro in Ecuador e alle isole Galapagos…
E poi, di fronte a me, ‘n foglio arrotolato…
lo apro guardandote nell’occhi… Er menù!


il menù

Cioè, hai scritto pure er menù, quanno t’avrò visto cucinà du vorte ‘n tutto da quanno te conosco...
E pe me invece hai cucinato!
E ce trovo scritto…

Augurio di buon viaggio…

ANTIPASTI
“Hoatzin” di salumi e formaggi
Antipasto “Galapagos” di cous cous e verdure grigliate

PRIMI PIATTI
Tagliatelle “Splendor” ai funghi porcini e pancetta
Lasagna agli asparagi “Primicias”

SECONDO PIATTO
Filetto “Pichincha” al vino rossa e pepe rosa

CONTORNO
Pinzimonio “Shaman”

DOLCI
Strudel “Megaptera” di mele e pesche
Pere al cioccolato “Tarantula”

FRUTTA
Piatto di frutta “Cuyabeno”

E uno dopo l’altro me porti tutti i piatti,
prima l’augurio, er volo nostro… mio e tuo…


er volo nostro

Poi gli antipasti, accompagnati da iguane de pane
(che me scuso ancora de nun esse riuscito a magnà ma erano tropo belle, adirittura quella marina fatta de farina integrale...)
e Valpolicella Superiore pe bagnà le fauci seccate dallo stupore!


iguana terrestre e iguana marina di pane

E poi sto spettacolo... ma quanto c'hai messo a sistemallo? Te credo che eri stanca tesoro mio!


Hoatzin di salumi e formaggi

Ho cercato de tenè occupata la bocca pe dovere... perchè altrimenti mangià ste opere, te giuro, me sembrava un delitto!


cous cous Galapagos con verdure grigliate (la sabbia, la gelatina blu)

Cioè, la sabbia e quer gel blu... te credo che nun puzzava!
E poi el leone marino fatto co la melanzana grigliata... me lo so sognato la notte che me parlava pure!
C'avevo fame si, ma ero quasi più affamato de vedè quello che erano riuscite a partorì ancora la capoccetta e le mani tue...


Tagliatelle "Splendor" ai funghi porcini e pancetta (la lancia delle nostre escursioni)

Cioè... no... nun era possibile, nun poteva esse vero!


lasagna agli asparagi "Primicias"

Dimme tu come... cioè... ma tutto questo come t'era venuto 'n testa?


Filetto "Pichincha" al vino rosso e pepe rosa

E poi tutto bono!!! tutto!!! ... sto purè de castagne era delizioso!


Pinzimonio "Shaman"

Senti... ancora oggi nun so riuscito a toccallo Thomas lo sciamano...
Ce se pò fa un quadro secondo te?


Strudel "Megaptera" di mele e pesche

Cioè... te giuro, nun c'avessi avuto la bocca piena de cibo e l'occhi pieni de te a tenemme appeso sarei annato all'altro mondo sur serio!


Pere al cioccolato "Tarantola"

A pensà a quanto tempo c'hai dedicato, pe concepì, pe organizzà, pe realizzà, pe coordinà tutto... me fai paura!


Piatto di frutta "Cuyabeno"

E che epilogo migliore ce se pò aspettà da na storia?
A volte la realtà la famo talmente 'ntorcinà su se stessa da sto cervello matto che la convinciamo a diventà brutta come so le paure nostre.
Invece basterebbe pensà, almeno un pochetto ar giorno, solo alle cose che ce fanno sta bene pe esse felici veramente, almeno per quel pochetto de tempo no? almeno pe quello che se può.
E' già tanto brutto a volte er monno. Perchè dobbiamo fa diventà brutto pure quer micragnoso pezzetto de monno che è er monno nostro?
E tu er mio lo rendi...
felice.
Si, tu me fai felice.
Te basta poco. Basta che me guardi co l'occhi tua veri.
E questa è l'unica cosa, nella vita mia, che so veramente contento de possedè, na persona vicino che me fa esse felice, nonostante tutto quello che me pò succede dentro e 'ntorno.
Ti amo.

(p.s. ...cioè, alla fine della cena ho fumato solo perchè ce stava bene e perchè lo volevo fa co te, me capisci no? Cor cioccolato, cor rhum, però, te l'ho detto, ho smesso!)

RickMor Pan
RickMor Pan
Oggi sono un ricercatore. Quando sarò stanco di cercare scriverò ciò che ho trovato. Nel frattempo ogni tanto scrivo... Sono tante cose e forse nessuna per davvero. Ma fare ciò che si ama sempre è più che abbastanza no?

Suoi ultimi post

7 Commenti

  1. grazie!
    Grazie a tutti per l'ascolto!
    Per certi versi, come ho detto, mi sarebbe piaciuto che rimanesse tutto sospeso, perchè penso in genere ai racconti come ad un frammento della realtà, come fossero solo un'immagine strappata al tempo.
    Quello che mi interessava era creare il personaggio.
    Però in questo caso ci tenevo a rendere anche chiaro quello che mi ha ispirato.
    Nella storia è quasi tutto inventato però le lettere erano reali!
    C'ho solo creato intorno un mondo parallelo, eppure possibile.
    Ogni racconto è uno spunto per dire qualcosa oppure niente l'importante è che alla fine ci si senta meglio, più liberi, o arricchiti anche appena di un nonnulla rispetto a prima.
    Comunque che fatica scrivere un racconto al giorno! La regolarità non fa per me!

  2. Bello, bello, un epilogo straordinario! Che piatti meravigliosi, che cura dei particolari! Grazie Riccardo, a me è piaciuto moltissimo!

  3. Grazie a te Sara!
    mi fa piacere che sia piaciuto, anche se, come hai potuto vedere, gran parte del merito non è mio ma di chi mi ha ispirato a raccontare la storia!
    ...mi dovrò vendicare 😉

  4. Riccardo, so mancato per un po e ti giuro che volevo sapere come era andata a finire
    che dire, sto epilogo non me lo sarei mai immaginato
    comunque...complimenti, sei semplicemente geniale

  5. Grazie a tutti! ...ma ripeto. Ho solo costruito una storia intorno a degli elementi reali.
    E' un piacere riaffacciasse qua ogni tanto.
    Per certi versi è un'altra casa in cui a quanto pare, ed è cosa rara, si parla tutti la stessa lingua senza necessità di codici o interpretazioni. Una casa libera abitata da menti libere e vive.
    Grazie a tutti di esserci e a presto! 😉

    • grazie a te di riuscire a sorprenderci. Sei fra gli autori più camaleontici di wordshelter. Sono felice che in qulache modo la casa della parola sia la casa di chi ci scrive e di chi legge e lascia i suoi pensieri...


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito