Amanti randagi

Poesie Nana O

Su di un tavolo, bari
puntavamo diamanti
senza aver che sogni infranti.

Le mani tremanti
e scoprirci, indifesi,
ad esserci compresi.

Predestinati alla fine
varcammo il confine
ignari di esserlo stati.

In un tempo imperfetto
ci siamo amati e persi,
così sbagliati, diversi
e soli ci siamo stretti,
e creduti perfetti.

Due corpi affamati d’affetto.
Due anime nude sul letto.

Nana O
Osservo la forza misteriosa delle parole che si inseguono, si attraggono e poi si scelgono.. Io sono la mano che le adagia sul foglio e l'occhio stupito che assiste al miracolo di un ordine perfetto, l'unico possibile nel caos del nostro imperfetto sentire

Suoi ultimi post

Nessun commento ancora, aggiungi la tua opinione!


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito