L'assedio del sogno

Poesie Marco Gasperini

Le case sono abbandonate
Pioggia danza sugli arabeschi del vento
Pensando ai giorni calcolati malamente
E a immagini di te
Disperse fra le dita inermi
Vorrei sentire la tua pelle
Come un miraggio
Il senso di benessere
Che non so più
Immaginare la tua voce
In solitudine
Dopo ore di compagnia
Abbracciarti
Come se l’ultima volta
Fosse per sempre
Annientare l’assedio del sogno
Sapere che il sole
E il tuo viso
Sono la stessa cosa
E un cielo stellato
Porta il mio messaggio d’amore
Fino al luogo remoto
Che distende il tuo corpo indifeso
In balia dell’infinito
Percepire la stanchezza
A premiare la veglia
Della nostra passione innocente
Celata agli sguardi meschini del mondo
E un letto di fiori
A sostituire
Le mie carezze -

Marco Gasperini
Non sono io, scimmia ammaestrata, il solito disperato buffone, spirito invernale sconfitto dall’enigmatica primavera del cuore in codice -Se la notte incombe, dammi l’illusione di un puerile mattino.

Suoi ultimi post

Nessun commento ancora, aggiungi la tua opinione!


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito