Noia

Marco Scazzeri

Ricordo tante giornate inutili, asfissianti, aride, trascorse in camera sulla mia poltrona di pelle, captando a volte qualche nuovo suono proveniente dallo stereo perpetuamente acceso; sprofondavo guardando i muri bianchi tinteggiati perfettamente da mio padre,riducendo i pensieri in coriandoli di idee vuote. Una lunga tenda beige chiaro separava i miei...

“Torna al tornar del sol l’ombra smarrita; non torna giammai dell’uom l’età fuggita” Questa frase scritta su un rettangolo di marmo bianco con bei caratteri in stampatello accompagna il segnare delle ore di una meridiana situata alla sinistra di Porta San Michele, all’interno di Piazza Italia. È un week end...

L’inverno congela le strade che piano a piano svaniscono sotto il buio della sera, ingoiate dal ghiaccio e dalle idee accumulate nella testa di Rocco che lentamente si avvia verso casa, sotto i lampioni simili a lumi ad olio feriti dalle spade del vento freddo mugghiante ad alternanze dilatate, gelido...

-Quel Carlos, il messicano, mi sembra un ragazzo in gamba, vero Anna?- Anna non mi rispose, si limitò a sollevare gli occhi dalla rivista di moda che sfogliava meccanicamente, concedendomi uno sguardo enigmatico per qualche secondo, poi proseguì a girare le pagine. Continuai -Prima, mentre eravamo seduti qui, mi ha...

In hotel a Rimini occupavo l’ultima stanza del terzo piano; tornavo dal mare all’ora di cena e prima di fare la doccia e cambiarmi d’abito per la sera, mi piaceva rimanere qualche minuto affacciato al balcone della camera, a guardare la gente camminare, le insegne dei negozi, le auto, il...