L' archivio

MariC

Un colpo lontano, netto e definitivo. Arriva discreto come un segnale senza importanza seguito da un puff finale. Un puff che ha il peso del metallo, la morbidezza della gomma e l'elasticità della molla che spinge e trattiene. I pensieri si fermano e restano in sospeso, mentre dietro gli occhi...

Poesia ispirata da poeti facebook -iani La mia anima saltella sul desco invaso di erba fradicia e sussulta all'incedere sordo della rugiada mattutina. Ma la forza centripeta dell'ironia mia e di mia sorella la fa a brandelli e la impana con polvere sparsa abbondante e impalpabile. E così il giorno...

Neri, svolazzanti, gracchianti, inquietanti. Sette corvi sull'albero morto. Se il mattino urlano e scompaiono, la sera pennellano di nero il mio orizzonte. Ne è rimasto uno solo sul ramo secco. Lo falcerà la luna? Stanotte la luna ha la forma giusta.

Amina

MariC

Stanno cremando il cadavere di Amina e i suoi genitori non lo sanno. Lo fanno prima che la notte si sposti altrove, così la morte può intonare il suo de profundis in sordina. Quel pomeriggio tutta la famiglia era raccolta in cucina. I muri neri di fumo e le inferriate...

Esco

MariC

«Esco» dice Telma col tono dei giorni migliori, come se fosse il vento a portarla via. Si gira verso la poltrona da vecchi, quella che aiuta la gente a rialzarsi. Vede le dita di Paolo contrarsi sul giornale e immagina le sue labbra serrate sulla faccia nascosta. E' il giorno...