Benedictus XVI Joseph Aloisius Ratzinger

Poesie Selene Porcaro

Mi suona una marcia regale scortata da un vento maestrale,
l’atroce dubbio mi assale è come un debito virale,
se premi il tasto entri nel mondo surreale, così arrivi primo alla porta artificiale.

Scalda la mente è solo un affare di tonache marroni pronte a lucidare
le ali del palazzo che intrappolano il pazzo.
Tra milioni di bagliori con le maschere ed i fiori e l’anello e pure i cori.
In un giorno esasperato il fumo bianco hanno mandato,
affinchè noi si sapesse chi salisse sul calesse.
Il bassotto si è infiltrato, il tedesco si è insidiato,
con la maschera di argilla striscia peggio di un’anguilla.
Ha le mani piccoline e lo sguardo poco incline,
gioca con le bamboline e ricama le magline,
fa i discorsi sulla piazza e dispregia poi la razza,
tanto bravo a far sermoni e sparare cazziatoni,
tira in ballo la famiglia e si farebbe anche tua figlia,
tira in ballo la divisione e si stringe il tesorone,
tira in ballo la morale e ci cambia poi il finale.
Il miracolo può fare che smettesse di parlare,
senza più tirare balle si levasse dalle palle.

Selene Porcaro
Selene Porcaro
Era l'11 agosto del 1979 quando mia madre dopo dieci giorni di "travaglio" riuscì a mettermi al mondo all'ombra della Torre Pendente nella città di Pisa. Provengo da una famiglia con origini campane,molto numerosa e chiassosa ma che non cambierei mai con nessun'altra al mondo. Dopo le scuole medie nella cittadina in cui vivo ho frequentato il Liceo Classico a Pisa per tre anni per poi abbandonare tutto e mettermi alla ricerca di una me stessa che forse non avevo mai perso. Dopo vari lavori ho deciso di frequentare il corso per Operatore Socio Sanitario dell'Azienda Ospedaliera Universitaria Pisana e dopo la qualifica,presa nel dicembre 2010 lavoro da circa un anno con gli anziani. Ho iniziato a scrivere a otto anni,una sera guardando fuori dalla finestra della mia camera,molte cose sono cambiate nel paesaggio circostante ma la mia passione per la scrittura mai. Non potrei vivere senza scrivere,senza fare fotografie,senza ascoltare musica e senza leggere:questi sono i pilastri fondamentali della mia esistenza. Credo nella giustizia e nella lealtà,dico sempre quello che penso e lotto per le cose in cui credo. Amo la mia famiglia ed i miei amici ma soprattutto i miei numerosi nipoti. Ringrazio Dio o chi per Lui per avermi concesso questo meraviglioso dono che è la Vita.

Suoi ultimi post

4 Commenti

  1. Si farebbe anche suO figliO. Non fa rima, ma quando uno è omofobo ce l'ha con se stesso! (dico bene o ho ragione???) Brava!

  2. ...mah...troppo facile.
    Sparare a vuoto sul Papa è uno sport molto in voga e inutile.
    Cmq passo sempre volentieri tra i tuoi versi, anche quando stridono un poco nelle mie orecchie.
    Ciao.


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito