Un numero ...un ricordo indelebile
incroci di storie,
drammi, disperazione e felicità.

Sono entrata,
srotolata brutalmente da una barella.

Tu mi hai salutato sorridente e stranita
dolce e lunare come una bimba.

Nel volerti bene ho conosciuto il tuo dramma,
la vita ti stava abbandonando senza privarti del sorriso.

Di notte immaginavo di entrare nel tuo corpo
e spazzare via le cellule malate, dolce Mary.

Poi è arrivata Veronica...spesso piangevi.

Ti pensavano folle, ma tu sentivi solo il peso
di una vita, sprecata, vissuta male,
molti dolori, pochi amori
e una sensibilità che diventava quasi veggenza...

""Tremo, non resisto più... che brutta malattia"
continuava a ripetere Betta.
La depressione le riempiva gli occhi di pianto,
senza toglierle però il desiderio di amare di vivere storie romantiche
e riabbracciare un figlio lontano, scappato chissà dove.

Camera "12"... la stessa barella mi ha depositato altrove,
ma il ricordo arde dentro di me e, chissà come,
MI SENTO PIU' FORTE

httpv://www.youtube.com/watch?v=KlAzVnnEUUA

Noria Nalli
Noria Nalli
Sono una giornalista free lance e amo raccontare storie...... Dopo una lunga esperienza di ricovero, ho iniziato a scrivere brevi ritratti di corsia per La Stampa di Torino,

Suoi ultimi post

2 Commenti

  1. Grazie Noria di condividere con noi questa esperienza

    • grazie a voi...è un momento strano e importante della mia vita...dal cuore mi sgorgano queste emozionanti storie di vita vissuta


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito