Camminando per le strade provò ad orientarsi e cercare dei riferimenti a lui noti. L'ambiente era cambiato ovviamente, nuovi studi e nuove tecnologie portarono grossi cambiamenti nei centri urbanizzati.
C'era qualcosa di diverso, fondamentalmente diverso per un uomo vecchio di 500 anni.
Era una cosa a cui Rayan non poteva notare appena uscito dall'ospedale: la calca di gente curiosa, dei medici e dei giornalisti che lo circondarono accompagnandolo al mezzo di trasporto lo rese impossibile. Troppe voci intrecciate, troppe domande, troppo rumore ...

Il rumore della città non esisteva più, erano le sei meno un quarto del pomeriggio di un martedì e non si sentiva quasi niente. Un silenzio assordante spezzato a volte dal vocifero di alcuni passanti.
I pensieri cambiarono dopo questa scoperta, fu distratto dallo straordinario e semplice particolare. Passavano centinaia di mezzi per le strade, ordinati e sincronizzati, molto somiglianti ad una fila di formiche, quattro fila di formiche, silenziose.
Per non parlare poi dell'abbigliamento, la moda attuale non andava molto a genio a Rayan. Tutto attillato, quasi a sentirsi nudi. "Almeno a questo devo rimediare! Non li sopporto proprio questi pantaloni!", non ebbe quasi il tempo di finire la frase che un aggeggio volante gli si paro' davanti.

Era una sorta di schermo, con un elenco dei negozi d'abbigliamento in zona, avvicinando le dita, cosa non necessaria ovviamente, il dispositivo funzionava anche con comandi vocali ma per abitudine Rayan avvicino' la mano, scopri' che sulla mappa si potevano selezionare e vedere la merci disponibili negozio per negozio.
E quasi con un lampo di genio penso' di cercare un negozio d'antiquariato - "che fortuna, c'e' ne' uno qui a due passi."
Aveva fatto un salto nel tempo entrando da RoBITvecchi, le pareti erano di legno (o forse no, magari era un ologramma) piene di scaffali a loro volta pieni di oggetti vecchi.

Il proprietario era di spalle, sentendo il classico campanello all'apertura della porta disse: "Buon Pom ... oddio ... so chi e' lei." - Rayan ribatte' corrugando la fronte "Mi avrà visto alla TV, se ancora si chiama cosi'".
"Si, si chiama ancora cosi' e no, non l'ho vista alla Televisione ... Signor Rayan, io la stavo aspettando."
"Cosa? Come?"
"Si, la stavo aspettando da almeno 502 anni. Ho una lettera per lei da parte di Lhyu!"

autore Francesco Monaca
Francesco Monaca

Un gioco di scrittura creativa, partito su meemi, a turno si scrive un pezzo di racconto in meme, e chi chiude decide chi debba proseguire... una idea favolosa di firstbit
firstbit
... qui il Racconto a staffetta
meemi

word_shelter

Suoi ultimi post

1 Commento


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito