Cerco il tuo sorriso

Poesie Stefano Crifò

Ti succede mai di svegliarti la mattina,
e nel compiere i soliti gesti quotidiani,
sentire il bisogno di piangere?
Come una specie di malinconia.
Non tristezza, no
ma un senso di vuoto,
un malessere interiore
e ti sembra quasi di riuscire
a percepire la mancanza
di un qualcosa che non sai dire
nemmeno tu esattamente cos'è...

"Mi manchi, e intanto nella mia mente
progetto un futuro insieme a te.
Cerco il tuo sorriso,
il colore dei tuoi occhi.
Vorrei stringerti,
portare la bocca alla tua.
Baciarti e toccarti
e sentire il calore del tuo corpo
mentre sfioro la tua pelle
morbida come velluto.
Quanto mi manca il tuo odore:
sono come un cervo
che annusa l'aria,
per riconoscere una traccia ...
ma non c'è niente ...
tu non ci sei"

E mi risveglio.
Sono solo un riflesso nello specchio del bagno,
e lo spazzolino nella bocca
con tanta schiuma ai suoi bordi.
Questo dentifricio che sa di menta.
Sputo e mi risciacquo.
Mi vesto ed esco.
Mi avvio al lavoro solo
con la speranza.
Speranza in un giorno
nel quale ti vedrò e ti riconoscerò,
magari in un locale a Trastevere,
ad una cena tra amici o
chissà dove il destino vorrà.
I sogni si sa,
son desideri ed io
voglio continuare a sognare.
Chissà quanti errori lungo la strada.
Cammino verso la stazione
mentre il freddo pungente
mi inumidisce gli occhi.
Una lacrima solca il mio viso.

Ma forse non è il freddo...

Stefano Crifò
Stefano Crifò
Secondo il Calendario Gregoriano, nacqui il primo giorno del IX mese dell'anno MCMLXIV. Mi piace scrivere dall'età adolescenziale, ma solo da poco ho imparato a condividere questo sentimento. "La poesia è indispensabile... ma vorrei sapere perché." (Jean Cocteau)

Suoi ultimi post

5 Commenti

  1. bellissima poesia, complimenti.

  2. già forse non è il freddo...
    a volte si piange di felicità


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito