…vabbè, manco te lo devo dì ve?
Ariecchece!
E’ strano come le paure e l’attesa te possano riempì la vita.
Ormai me la sogno pure sta cassetta della posta!
…che me ‘nsinua ‘n sussurro gelido dentro er cervello e me chiama,
come fosse lei stessa er maniaco,
na bocca della verità che sputa fuori er destino mio come n’inappellabile scontrino de bancomat.
…oggi n’altro cartoccio, cioè, in realtà na busta da lettere,
però smezzata e richiusa tutt’intorno da spillette come l’ultime due…
E che c’aveva paura che potesse scappà er contenuto?
…Ma se sa che i maniaci c’hanno le fisse loro!
Comunque…
Nun ce crederai…
Cioè, sto maniaco nun è normale!
…la solita impronta de dito sulla linguetta della busta, nera.
Ma che dito, me dirai, er primo o er secondo?
Ma ‘de che?
N’alluceeeee!!!
Ma che me sta a pijà per culo pure?
Come a dì… guà che te metto i piedi ‘ntesta?? Boh.
Me la porto verso casa, incontro un inquilino che me sorride e quasi je meno.
Entro e l’appoggio sur tavolo der salone (me devo ricordà de riportatte la felpa a righe),
vado ar bagno,
me vado a beve un po’ de succo multivitaminico,
me lavo i denti.
E ora a noi due…
Cerco de vedè ‘ncontroluce er contenuto,
sai, mejo nun fidasse troppo der potere che ormai questo c’ha sulla curiosità mia.
Nun se vede niente, però dentro c’è quarcosa de cui non riesco a capì la forma e fa rumore come se ce fossero pure dei granelli.
Apro delicatamente, strappando come al solito uno dei lati più corti della busta,
poi svuoto sur tavolo…
granelli de sabbia, grossolana, non tipo sale grosso ma quasi…
pezzi de corteccia, de pino…
e poi la cosa più grossa e strana!
…un pezzo de specchio, un angolo, tenuto insieme a du pezzi de corteccia più grossi da na cordicina,
forse ‘n pezzo de laccio de scarpe da ginnastica
in sostanza tutti pezzi… ma dde chè?
Che vordì?
Nun ce capisco niente!
Sulla busta c’è pure scritto “Chi?”
Come chi??
Io so chi so e so pure che questo è matto ma che me serve sapè ancora?
Chi è lui? …cioè, che devo pensà? C’è corteccia de pino… e quindi se chiama Pino?
E che me frega? Sempre malato è!
Ma l’altre cose allora?
La sabbia… che vordì? Je paice er mare?
Cioè è Pino e je piace er mare? …ma se n’annasse ar mare allora! E che vole da me?
Ecco… forse è un pino marittimo parlante dai pinoli d’oro, che se sente solo e allora ha assoldato un fattorino che oltre a consegnà le pizze e a rischià la vita se dovesse capità qua, je porta i pizzini in giro! Ora tutto quadra!!!
Cazzo… ce scherzo ma stavolta proprio nun capisco niente… e mancano solo du giorni!
Provamo a partì dallo specchio allora…
Me lo rigiro ‘n mano, slaccio er cordino, pe vedè se c’è quarche messaggio sullo specchio o sul lato delle cortecce che non vedo, me tajo ‘n dito, niente!
Eppure ce credevo, ero convinto anzi, che se svelasse tutto la sotto!
Me riggiro er tutto tra le mani…
Chi?
…Specchio, corteccia, sabbia.
Rimischio e spizzo…
Chi?
…Sabbia, specchio, corteccia.
Dai, riprovo a occhi chiusi…
Chi?
…Corteccia, sabbia, specchio.
Niente… gioco alle tre carte da solo ma me pare che perdo sempre!
Chi?
Me vedo nello specchio…
Io!
Io cazzo!
Menomale che so nato furbo!
Ok, me dico, famose du conti…
Giorno: 1 novembre
Ora: 8 pm
Dove: casa mia
Chi: Io? …e corteccia e sabbia? E che semo ‘n tre?
…er bello, er brutto e er cattivo?
E chi è er brutto oh??
Er fattorino? …oppure è na donna??
Magari so due i maniaci!
Pino e Marina! Ecco!
Ma perché du pezzi de corteccia stanno legati allo specchio?
Uno davanti e uno dietro?
Mmhhh… a belli! Avete capito proprio male!
Tesò… Me devi aiutà a capi!
Ma te lo ripeto, nun vojo che ce stai quer giorno, ormai è na cosa mia! ...cascasse er monno me lo vojo pijà 'nfaccia!
…e nun chiamà nessuno! Nun t’azzardà! Mo so io a dittelo!
Quello che deve succede succederà!
Io aspetto aspetto… nun c’ho quasi più paura.
So pronto… veniteme a prende se c’avete coraggio!
Tanto ormai c’è solo da aspettà…
La vita è n’attesa…
Tutto sta a fasse trovà pronti.

RickMor Pan
RickMor Pan
Oggi sono un ricercatore. Quando sarò stanco di cercare scriverò ciò che ho trovato. Nel frattempo ogni tanto scrivo... Sono tante cose e forse nessuna per davvero. Ma fare ciò che si ama sempre è più che abbastanza no?

Suoi ultimi post

3 Commenti

  1. grazie!
    ...ora ce siamo.
    Vamos a ver...
    ...certo però, che un aiuto in più sugli indizi me l'aspettavo!


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito