Conversazioni mute con la luna /4

Era arrivata a piccoli passi…come indugiando fra mille pensieri.
La sabbia fine la confortava, sapeva bene dove stava andando.

La chioma d’inchiostro pareva diversa sotto il canto perlaceo della luna.
Poi gli occhi d’ambra si sollevarono una volta ancora a cercarla.
Ma non parlò…la luna sapeva già ciò ch’ella avrebbe voluto dirle.
Così si sedette, carezzandosi le braccia…
e lasciò che quella luce gentile l’avvolgesse.
L’inverno l’aveva resa più ricca forse…, un inverno lungo…troppo lungo.
Il suo scrigno era colmo di fiori profondi e delicati.
La luna conosceva tutti i suoi segreti, gli affanni, le gioie…
persino i capricci della sua mente.
Il mare volle donarle una storia di castelli,
fatti non per durare...ma affinché
si divenisse agili creando.
Poi sospirò…ed allora la sua anima fu pronta ad immergersi
in quell’altra notte da accettare,
mentre la luna ricamava sul mare la quiete del cielo.

Elena Condemi

Elena Condemi
Elena Condemi
So solo che mi emozionai incontrando per caso un'Olivetti a casa di mia nonna, e non riuscii a lasciarla più. Pareva conoscermi meglio di chiunque altro. E la conservo tutt'ora, proprio come si fa con la propria vecchia e fedele bambola, con la stessa tenerezza..."Lo sviluppo dell'anima è come una poesia perfetta: ha un'idea infinita che una volta realizzata rende ogni movimento pieno di significato e di gioia." Tagore"Sono una piccola ape furibonda. Mi piace cambiare di colore. Mi piace cambiare di misura." Alda Merini"Non ho scritto secondo ragione, Né per fuggire un destino oscuro, Ma per sedurre le stagioni E piacere all’ineffabile azzurro,E per possedere ogni giorno, Senza smarrimento, senza rimorso, E sino al momento della mia morte,Dei diritti infiniti sull’amore..."Anna De Noailles

Suoi ultimi post

Nessun commento ancora, aggiungi la tua opinione!


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito