Goccia a goccia di dolore spento,
è il lamento che graffia aria e vento.
Goccia a goccia
spreme il tempo nuovo tempo –
e tempo viene che scortica ogni vanto;
tempo viene che mette
nel crudore del rimpianto,
nel crudore del rimpianto.
Nuove idee,
nuovi intenti e intendimenti,
trascendono la mia faccia
e preparano momenti
come nidi di serpenti,
come nidi di serpenti –
la mia faccia rivestita con la pelle
d’indecenti ammiccamenti.
Occhi giovani già vecchi,
occhi giovani eppur vecchi.
La faccia che viene e va lungo gli specchi:
occhi giovani eppur vecchi –
solleciti,svelti,inetti
solleciti,svelti e inetti.
Questo cuore era cuore spadaccino,
l’ha disarmato il tempo villano,
l’ha scempiato il tempo cecchino…
Se l’è piegato a suo piacimento,
se l’è preso,
e da allora ha stoccato il vento,
da allora ha stoccato
il vento soltanto.

M.T.

Massimo Triolo
"Meglio regnare all'Inferno,che servire in Paradiso"

Suoi ultimi post

Nessun commento ancora, aggiungi la tua opinione!


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito