Sdrammatizziamo il fresco torbido
delle tue ciglia arrotolate nei miei ricordi
nel raccapriccio della mia gola gonfia
di te e di quella carne infilata fra le vocali
e la lingua tesa, solo la saliva tiene impronte
di un pensiero chiamato amore, siamo pieni
di tutti questi tornami, non rinnegherei l’abbraccio
nemmeno dopo una notte di bagordi
ma questo passato ha una fine tesa come cappio.

Morfea
Morfea

[io vado verso.
e non tremo scendendomi]

Suoi ultimi post

4 Commenti

  1. le tue ciglia arro­to­late nei miei ricordi... bell'immagine mi piace

  2. Ricordi carichi di sensazioni...

  3. Bella!

    E benvenuta....

  4. quella carne infilata tra le vocali....


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito