Per descrivere Don Pablo, un semplice articolo di giornale non è sufficiente, ci vorrebbe un libro.

Peccato che ci abbia già pensato lui, che sta lavorando alla raccolta delle sue poesie e riflessioni.

Giovanni Marotta, 35 anni, impiegato, nato e tuttora residente a Mirafiori, originario del Sud, innamorato dell'Africa e del Kenya in particolare, impegnato nel sociale e percussionista di una band, poeta "divo" di Myspace, sfugge a tutte le etichette.

 Il suo blog di "poesia" e sentimenti, sulla comunità virtuale, ha in pochi anni superato i 60 mila accessi, ma lui non si considera un poeta. Ha più la vocazione del filosofo o del sociologo, che del rimatore.

Il primo contatto con questo interessante personaggio è avvenuto attraverso lo schermo del pc, visitando il suo elegante profilo(www.myspace.com/giovannimarotta)  dominato dai grigi e dalle foto in bianco e nero, in compagnia del suo inseparabile cagnolino, Pablo (da quale ha preso io spagnoleggiante "nome d'arte").

Spostando il cursore, sul video scorrono innumerevoli componimenti, oltre a brani e video del suo gruppo "Massimo Lajolo e le onde medie". Per la "vita reale" e l'intervista "cartacea" ci siamo invece incontrati al parco Colonnetti, in un eccezionale pomeriggio di sole di inizio giugno.

Emerge dal verde come un personaggio di Verga (è di origine siciliana): i capelli un po' crespi, neri come i suoi baffi e gli occhi curiosi e penetranti.

La scelta del giardino non è stata casuale. Simboleggia la rinascita. il piano di recupero urbano e la "nuova via Artom" , come Don Pablo, Gianni per gli amici, è un emblema di questo borgo antico, ma più di altri proteso verso un futuro a "misura d'uomo".

"L'idea di apparire sullo space mi è venuta proprio per divulgare la musica della band. Cercare "amicizia" solo per promuovere i dischi non sembrava efficace. Ci voleva un contatto più diretto, più umano. Così sono diventato Don Pablo – ci spiega con gioiosità – All'inizio ci è voluto un po' di coraggio a mettere "in rete" le mie riflessioni, le mie istantanee esistenziali, ma poi è diventato tutto naturale.

Parlo di esperienze realmente vissute, sono reduce dalla chiusura di un rapporto importante, ma prendo spunto anche dall'attualità". Poco a poco Don Pablo ha raccolto intorno a se' più di 1300 fan, "amici", iscritti di Myspace che lo seguono con attenzione.

 "Sembra un po' una dichiarazione voyeristica, ma io ricordo interessi e profili di centinaia di loro. Molti li conosco di persona. È interessante notare come questa società del web, rispecchi le caratteristiche della società umana. Certo io parlo di sentimenti ed emozioni e ricevo commenti soprattutto da donne".

 Gianni dichiara di non considerare di particolare valore stilistico i suoi scritti, ma le continue esortazioni di estimatrici e lettori assidui lo hanno convinto a tentare l'avventura editoriale. "Per ora sto rileggendo e selezionando. Il materiale è veramente consistente, l'ho raccolto in vari anni.

 In alcune poesie, non mi riconosco nemmeno più, riflettono momenti di vita del passato. Comunque non ho preso ancora contatto con nessuna casa editrice, spero di riuscirci presto, appena il lavoro mi darà un po' di tregua".

Noria Nalli

Scheda personaggio:

LE POESIE I SENTIMENTI E LE "ONDE MEDIE" DEL MUSICA FILOSOFO DON PABLO

.

"Spargo parole al vento per liberare l'ingorgo dell'anima" scrive Don Pablo in apertura del suo profilo. È già chiara la vena intimista dell'autore, che è riuscito alcuni mesi dopo l'intervista, a pubblicare il libro "Fram(m)enti" per la MJM edizioni.

Il suo progetto di vita ha poi avuto un altro importante sviluppo: gestisce infatti da un anno, a Torino, il cafè Don Pablo, che offre ai suoi clienti uno scaffale di libri di autori emergenti, che possono essere così sfogliati, apprezzati e conosciuti .

httpv://www.youtube.com/watch?v=CRcKq9sGeCk

Noria Nalli
Noria Nalli
Sono una giornalista free lance e amo raccontare storie...... Dopo una lunga esperienza di ricovero, ho iniziato a scrivere brevi ritratti di corsia per La Stampa di Torino,

Suoi ultimi post

Nessun commento ancora, aggiungi la tua opinione!


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito