Du parole cor Signore

Poesie poeta solitario

La vita quanno è accesa è peggio de 'na tempesta tropicale,

poi esce er sole,tira vento,44 gradi all'ombra e poi ripiove.

Ma er Padreterno o chi pe lui che s'è inventato,che si te levi de corpo hai da esse castigato?

Ma guarda un pò st 'impunito,de scatto è ricicciato,è ancora vivo!

Disse er principale  un pò stranito.

Aò ,a capocciò,io nun posso di de no!

Si le Madonne fino a mo te m'hai mannato,a carci e pugni me so riarzato!

Ma che t'ha detto er cervello,ma che t'ho fatto,si so caduto nero è 'ndato de fatto!

M'ero rotto,si mo te lo dico,de sta a sentì patì la gente,pe na cazzo de mela e pe 'n serpente!

Famme capì na cosa che nun m'è chiara,ho d'aspettà la dipartita pe finì sta gara?

E mo che so deciso e ho visto er sole te che fai? lo voi spegne come un lume senza core?

E no bello mio, te da lassù na vorta sola m' hai cacciato e io er paradiso qui l'ho trovato…

Grazie der  carcio n'culo che m'hai dato,io da nero a bianco so rinato.

Sta luce in tera me sarei perso e pe davero avrei fatto paura…

E manco tu che sei l'Immenso,avresti visto brucià così sto posto,

che l'Inferno invece  è fresco...

poeta solitario
poeta solitario
Sono passato,un pensiero ricorrente,quel senso di vita nuova che mi pervade vedendo il disfacimento del mondo che fu, in un tempo non mio. E' proprio quando tutto sembra perduto che bisogna affrontare la fine col sorriso,perché ogni fine è semplicemente l'anticamera di un nuovo inizio. Nato nel 1977 l'8 di Febbraio dopo varie passate continuo la ricerca del mio amore perduto e del mio vero Io.Ho appena pubblicato la mia prima raccolta intitolata "Sensazioni d'Autore",un viaggio interiore nel tempo e nello spazio scandito da note poetiche e narrative.

Suoi ultimi post

3 Commenti


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito