E' tempo di (anti)eroi

Recensioni Vito Tripi

di Vito Tripi

Faccio outing da sempre sono un estimatore dei Sith, un semper Fidelis dell’Impero Galattico e un lealista del Lato Oscuro. Ho sempre ritenuto la Repubblica Galattica prima e l’Alleanza Ribelle poi un nugolo di burocrati facinorosi intrisi di un idealismo infantile che giocano a fare i liberali. Come ha affermato Darth Krayth nella miniserie a fumetti Eredità “La democrazia di per sé è caos!” Ergo il mio giudizio sui Jedi non sarà di certo dei più rosei! A mio avviso sono un gruppo di samaritani frustrati e repressi che vanno in giro per la galassia indossando accappatoi e brandendo spade laser! Data la mia partigianeria, anzi no questo termine non mi si confà, data la mia faziosità non potevo che plaudire la nuova impresa editoriale della Multiplayer.it Edizioni che propone le avventure espanse di Star Wars incentrate sull’arco temporale di Old Republic le quali ruotano, spesso e volentieri intorno ai Signori dei Sith.

Non ultimo Inganno (pag 320 € 15,00) di Paul S. Kemp, secondo capitolo di una trilogia iniziata con Alleanza Fatale, che vede come superstar Darth Malgus il Sith che è divenuto l’uomo immagine, altro che pin-up delle discoteche, del nuovo videogame della LucasArts e d BioWare. Questo nuovo libro è incentrato su tre figure cardine, il succitato Malgus, il cui vero nome è Veradun ma non dite che ve l’ho detto perché la prende molto male, il contrabbandiere Zeerid Korr e la giovane Jedi Aryn Leneer. In questo romanzo s’intensifica il ritmo dell’azione e dell’intrigo politico.

Durante gli incontri di pace tra Impero e Repubblica su Alderaan un commando di Sith, capitanati di Malgus, seguito dalla sempre fedele servitrice Twileek Eleena, con l’ausilio di una misteriosa mandaloreana, compie un’incursione, in uno stile molto 11 settembre, al Tempio Jedi di Coruscant devastandolo e piegando la capitale repubblicana. Un brutale colpo di mano ha sconvolto l’intera galassia e ha compiuta un’epurazione di molti cavalieri Jedi tra cui il Maestro Ven Zallow mentore di Aryn.

Tutto sembra pendere a favore della fazione imperiale ma la politica, anche quella stellare, è cosa strana e mentre i repubblicani sono pronti ad autoevirarsi per un accordo di pace anche i Sith preferiscono prendere le briciole per mantenere una posizione di forza. Cosa che fa scontenti due persone: Malgus, incoronato come il più oscuro degli eroi Sith, spinge per la guerra totale come solo igiene del cosmo, c’è del marinettiano in questo, e come unico mezzo per la comprensione della Forza; Aryn la quale andando contro sia all’etica dei Jedi quanto alle direttive repubblicane decide di recarsi su Coruscant, chiusa al traffico aereo, per reclamare vendetta. In mezzo a questo regolamento di conti si pone il contrabbandiere Zeerin che deve consegnare delle iperspezie per conto del cartello criminale dello Scambio, in modo da saldare i suoi debiti, proprio su Coruscant. Inganno non è tanto e solo un romanzo d’avventura ma è molto incentrato sui sentimenti ognuno dei protagonisti ha qualcosa a cui tiene: Malgus è legatissimo a Eleena, Zeerin farebbe carte false per sua figlia Arra e Aryn vive nel ricordo del suo maestro. Tre vite che si troveranno a fare delle scelte dolorose e complicate per difendere chi amano.

Ma ci troviamo di fronte anche ad un interessante testo di politica visto che sia Malgus che Aryn saranno sottomessi alle beghe politiche dei loro superiori: il primo degli accordi di Darth Angral e Darth Araas, la seconda del maestro Dar’nala e degli altri Jedi.

Ma le sorprese non finiscono la Multiplayer.it ha deciso di riproporre il primo capitolo della trilogia dedicata al popolare
Ammiraglio Thrawn, L’erede dell’Impero (pag 516 19,90) in una nuova edizione speciale per celebrare i vent’anni trascorsi dalla prima pubblicazione (1992). Questo romanzo ha il merito di aver riacceso l’interesse attorno al fenomeno editoriale Star Wars, successo confermato anche dal New York Times e di essere stato il primo passo per la nascita di tutto l’universo espanso di Guerre Stellari. Quest’edizione speciale è arricchita da una lunga introduzione e dalle note personali mai pubblicate di Timothy Zahn, da alcuni commenti esclusivi di LucasFilm e di Del Rey Books e da un inedito racconto che ha come protagonista l’Ammiraglio Thrawn.

L’Erede dell’Impero segue le avventure di Luke Skywalker, Han Solo e della Principessa Leia dopo aver condotto alla vittoria l’Alleanza Ribelle in Star Wars Episodio VI: Il Ritorno dello Jedi. Cinque anni dopo la distruzione della Morte Nera e la sconfitta di Darth Vader e dell’Imperatore, la galassia lotta per guarire dalle ferite della guerra. La Principessa Leia e Han Solo sono sposati e aspettano due gemelli, mentre Luke Skywalker è diventato il primo di una nuova discendenza di Cavalieri Jedi. A migliaia di anni luce di distanza, però, l’ultimo condottiero dell’Imperatore, il geniale e letale Grande Ammiraglio Thrawn, ha assunto il comando della flotta Imperiale distrutta, l’ha preparata alla guerra e l’ha puntata verso il fragile cuore della Nuova Repubblica. Questo guerriero oscuro ha fatto due scoperte vitali che potrebbero distruggere tutto che i ribelli hanno costruito. Ed è proprio il Grande Ammiraglio il vero eroe di questa saga: fine stratega, amante dell’arte, della musica e del gioco degli scacchi primo non umano, appartiene alla razza dei Chiss pelle blu e occhi rossi, a raggiungere una carica importantissima in un ambiente molto umano centrico. Egli è dissimile da Darth Vader in primis perché evita i suoi metodi brutali nei confronti dei sottoposti che sbagliano; in secundis perché preferisce evitare la Forza si basa più sulla tecnologia e le strategie politico-militari. Si dimostra più fedele all’Imperatore Palpatine che a Darth Sidious. Questo, però, non gli impedirà di allearsi con un Jedi pazzo per contrastare Luke e il nuovo ordine che vuole fondare.

 


In realtà non c’entrerebbe nulla con Star Wars ma visto che siamo in tema di antieroi mi sembrava giusto citare un altro titolo della Multiplayer.it Borderlands – Il Caduto di John Shirley (€ 15,00 pag 302) ambientato nell’universo dell’omonimo videogioco sparatutto della Gearbox Software. Protagonisti di questa storia sono due uomini agli antipodi il soldato ed ex-mercenario Roland e lo spiantato e cercatore di fortuna Zac Finn. Il primo è uno degli uomini più temuti della galassia che per sbarcare il lunario è in missione a tempo pieno sul pianeta più pericoloso dell’universo, è ben armato, spietato, bardato con delle armi più stravaganti, per non parlare del fatto che ha pugni possenti come blocchi d’acciaio: il secondo è un uomo al passo dal fallimento che ha deciso di portare con sé moglie e figlio a entrare su Borderlands, alla ricerca un nuovo bizzarro tesoro alieno.

Mentre Roland svolge un lavoro di “routine” Zac, quasi ossessionato, cerca d’invertire la caduta vertiginosa della sua vita mentre sua moglie Marla e suo figlio Cal vogliono soltanto sopravvivere e ritrovarsi, dal momento che si trovano distanti centinaia di km gli uni dagli altri. Non hanno molte possibilità… e Roland è tutto quello che li separa dagli Psychos – dei pazzi criminali – e dagli altri banditi assassini, per non parlare poi dei grotteschi primitivi, dei calamari giganti wyrm, dei folli ratti sotterranei, degli skag voraci e dei mercenari spietati.

Un romanzo che mischia avventura, fantascienza e anche ironia, con personaggi molto lontani dagli eroi vecchio stampa, rudi, senza grandi ideali, desiderosi in primis di sopravvivere e anche di arricchirsi. Un’opera interessante per consentire a tutti di conoscere il bizzarro e violento mondo di Borderlands.

 

Vito Tripi
Vito Tripi
Vito Tripi collabora con l’Agenzia Stampa Deigma Comunicazioni specializzata in uffici stampa culturali, religiosi, sociali e tecnico-scentifici, con le Riviste “Charta Minuta” e “Storia del ‘900” “L’idea il giornale di pensiero”Dal settembre 2007 è opinionista cinematografico per l’emittente TeleVita nel programma “Lungometraggio”Ha curato la Rubrica Cinema e Libri per il periodico on-line www.nannimagazine.itCura la Rubrica d’arte “Gallerie Romane” per la radio Vaticana nel programma “Attualità della Chiesa di Roma”Cura la Rubrica Arte&Libri per il mensile “Il Giornale del Lazio”Curatore della manifestazione letteraria “Genius Loci” presso la Facoltà di Lettere dell’Università di Tor Verga

Suoi ultimi post

Nessun commento ancora, aggiungi la tua opinione!


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito