Faccio quello che mi capita.
Non saprei gestire altre idee.
E’ così colmo il fondo che la cima trabocca di vita.
Fermo, attento nella gestione di me stesso.
Nel presente coltivo il sogno
con silenzio ed entusiasmo.
Soffro e respiro in affanno,
ma non morirò deluso, non morirò incosciente,
forse addirittura non morirò, e questo davvero non mi esalta.
Assecondo l’istante, tendo la mano e il timpano al resto.
Sono pieno, grido quiete in disaccordo col mentre.

Bernardino Mattioli
Bernardino Mattioli
°Bernardino Mattioli nasce a Bologna il 21 Dicembre 1972 da fortissime e invidiabili origini del sud marchigiano. °Molti suoi scritti sono pubblicati su antologie post-concorso. °Selezionato per un Festival della poesia a Roma (accademia belle arti, ottobre 2002), dove ha avuto la possibilità di leggere sue poesie davanti a sconosciuti che sembravano ascoltarlo. °Una sua recensione emotiva sul romanzo di Margaret Mazzantini:”Non ti muovere”è pubblicata sulla rivista italo-tedesca “Contrasto”.2004 ° Terzo classificato al premio letterario panchina 2010 sez. poesia. °Un suo racconto è inserito nella raccolta: “Carie” Storie di ordinaria (in)dipendenza, pubblicato da Perrone Lab in collaborazione con Whipart onlus. 2010 °Ha pubblicato il suo primo libro: "Tutto d'un fiato altrimenti si deposita" (raccolta di racconti decorati da poesie introduttive) nell’ottobre 2006. (Pascal editrice) °Il secondo Libro “Testimone di un eccesso” Romanzo Psico-noir, esce nel Luglio 2011. Onirica edizioni. °Crede, più di prima, che scrivere sia un’ ottima alternativa al suicidio. Nel tempo libero conta le pecore e si avvale della facoltà di non rispondere.

Suoi ultimi post

Nessun commento ancora, aggiungi la tua opinione!


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito