La crisi e Albert Einstein

Citazioni Karen Lojelo

"Non pretendiamo che le cose cambino se continuiamo a fare le stesse cose. La crisi può essere una grande benedizione per le persone e le nazioni, perché la crisi porta progressi. La creatività nasce dall'angoscia come il giorno nasce dalla notte oscura.

È nella crisi che sorge l'inventiva, le scoperte e le grandi strategie. Chi supera la crisi supera se stesso senza essere superato. Chi attribuisce alla crisi i suoi fallimenti e disagi, inibisce il proprio talento e dà più valore ai problemi che alle soluzioni. La vera crisi e l'incompetenza.

Il più grande inconveniente delle persone e delle nazioni è la pigrizia nel cercare soluzioni e vie d'uscita ai propri problemi.

Senza crisi non ci sono sfide, senza sfide la vita è una routine, una lenta agonia. Senza crisi non c'è merito.

È nella crisi che emerge il meglio di ognuno, perché senza crisi tutti i venti sono delle lievi brezze. Parlare di crisi significa incrementarla, e tacere della crisi è esaltare il conformismo.

Invece lavoriamo duro.

Finiamola una volta per tutte con l'unica crisi pericolosa che è la tragedia di non voler lottare per superarla."

Albert Einstein

Da "Il mondo come io lo vedo"

Mein Wetbild (1931)

Karen Lojelo
Karen Lojelo

Sono nata a Roma il 25 giugno del 1976 dove ho studiato, vissuto e lavorato fino al luglio del 2007, poi ho iniziato a scrivere il mio primo romanzo: “L’amore che non c’è” poi è stato il tempo di
“Binario 8” una raccolta di poesie (che scrivo da sempre).
Appena uscito il mio nuovo romanzo ‘L’ebbrezza del disincanto’ e a breve un’antologia di racconti curata da me Mariella Musitano e Sara Marucci. Nel 2013 è andato in scena il primo spettacolo teatrale scritto da me ‘Riflessi’ e attualmente sono impegnata nell’ultimazione di un nuovo romanzo.
Chi sono io?
Bella domanda…: “io sogno cose che non sono mai esistite e dico: «Perché no?». George Bernard Shaw

Suoi ultimi post

17 Commenti

  1. dimmi Karen, confessa, sei una maga :))) Proprio le parole che avevo bisogno di sentire!!!

  2. e già.. la crisi fa parte del cammino. E' come una profonda buca... può essere trappola oppure occasione per un salto che ci restituisce a noi stessi diversi e più forti all'atterraggio. Basta scegliere 🙂

      • già forse 🙂 ...magari fosse sempre facile!

  3. Credo che Ein­stein avrebbe tranquillamente potuto fare lo psichiatra. 😀

  4. That's incredible!!! Parlavo proprio di questo ieri sera... nella crisi, così come nelle tragedie o nelle guerre, l'inventiva, la freschezza delle menti è l'unica cosa che ci può salvare...Grazie Karen 🙂

  5. Finalmente qualcosa che esula dalle solite frasi dei rinomati catastrofisti e ottimistoni che abitualmente frequentano i salotti televisivi alla moda.. L' amico Albert ha ragione e a livello psicologico il suo concetto mi ha elettrizzato e galvanizzato..anche se inevitabolmente la realtà che mi circonda farà sgonfiare il mio entusiasmo come un sufflè mal riuscito..
    ;-))

    • ahahaha sicuramente... però a leggerlo... beh lui aveva sì una marcia in più!

  6. Conosco abbastanza bene il testo indicato come fonte, e direi proprio che la citazione non è presente. Ho anche cercato nelle edizioni del testo in inglese presente su Google Books la parola "crisis", per vedere se c'era qualche corrispondenza: niente. La citazione è molto più falsa che vera. Gradirei sapere la fonte precisa, se è stata tratta da qualche altro sito cioè, o il numero di pagina e l'edizione.
    ps: "in bocca ad Einstein" sono state messe tante di quelle frasi... notevole, nel senso di ridicola, quella sull'esistenza di Dio in base a un puerile ragionamento sulla luce e sul buio.

    • ottima segnalazione Donato...! In effetti è possibile ci che ci siamo cascati anche noi, nel caso specifico a noi è stata passata una fotocopia cartacea di questo pezzo che avevamo dato per buona e che abbiamo copiato qui, vedo che ad oggi molti siti l'hanno riportato come pezzo di Einstein nonchè questo http://www.emptybowlscheyenne.org/business-ideas/... ma effettivamente pare la fonte non sia certa al cento per cento...
      In ogni caso poco importa credo, perchè il senso di quello che è scritto rimane comunque notevole, vero, e spunto di molte riflessioni. Io trovo sia un pezzo bellissimo comunque e chi lo ha scritto...beh complimenti 😉


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito