Sta ancora piovendo da quando te ne sei andata, non ha smesso un attimo.
Quest'acqua fredda mi ha fatto compagnia, quando il telefono squillava,ma tu non rispondevi.
Ora ho solo le foto che tu mi hai lasciato, ricordi di un addio, a cui non voglio credere.

Avrò fatto degli sbagli per arrivare a questo punto, lo sai soltanto tu.
Adesso ci sarà lui a bisbigliare quelle parole che vorrei dirti io, a tenerti stretta ignaro della sua sorte domani.
Come me abbandonerà le armi,farà l'amore con l' inverno, mangerà la neve per sedare il suo cuore in fiamme.

Conosci la porta della mia anima, me l'hai sbattuta in faccia anche tu, senza possibilità di replica, mentre fuori il cielo è ancora clemente.

È arrivata la primavera, ma le stagioni passano per tutti ed io sarò sempre qui, ad aspettarti, perchè viviamo in un mondo di pazzi e l'amore che provo te è l'unica pazzia che io conosco.

poeta solitario
poeta solitario
Sono passato,un pensiero ricorrente,quel senso di vita nuova che mi pervade vedendo il disfacimento del mondo che fu, in un tempo non mio. E' proprio quando tutto sembra perduto che bisogna affrontare la fine col sorriso,perché ogni fine è semplicemente l'anticamera di un nuovo inizio. Nato nel 1977 l'8 di Febbraio dopo varie passate continuo la ricerca del mio amore perduto e del mio vero Io.Ho appena pubblicato la mia prima raccolta intitolata "Sensazioni d'Autore",un viaggio interiore nel tempo e nello spazio scandito da note poetiche e narrative.

Suoi ultimi post

Nessun commento ancora, aggiungi la tua opinione!


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito