Un libro

Senza categoria Mariella Musitano

Amava crogiolarsi seduta sul muretto di recinzione del parco. Un libro aperto sulle gambe. Una frase, un capoverso. Poi alzava gli occhi verso il cielo azzurro e si perdeva ad immaginare. I personaggi e i luoghi e i pensieri espressi e quelli nascosti fra le righe e i colori e le sfumature e le intenzioni. Tutto un mondo prendeva vita. Una vita che non era reale ma che riempiva gli spazi della sua anima e zittiva i pensieri che l’avevano sovrastata nei giorni di pioggia, quando il muretto e il parco e la natura erano inaccessibili. Leggere nella sua cameretta non era la stessa cosa, nemmeno tenendo la finestra aperta, nemmeno sedendosi sul dondolo a ridosso di essa.

Si nutriva delle parole e si dissetava con la punteggiatura.

Il sole tiepido le scaldava il volto, la pelle delle braccia e delle mani non più imprigionate in maglioni e giacche a vento. Una semplice T-shirt bianca come le pagine di un libro ancora tutto da scrivere.

Mariella Musitano
Mariella Musitano
io sto alla scrittura come il giocoliere sta alle clavette.

Suoi ultimi post

3 Commenti

  1. Ma se al posto del libro ci metti un bel quaderno bianco...

    in pratica ottieni me sul muretto XD


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito