Quanto mi costi
poesia del malamore
che stilli versi a gocce
salmastre, lacrime viola
e mai ti curi
di questo petto sanguinante
di queste mani
che afferrano la coppa del giudizio
portandola alla bocca.
Padrona esigente
che pretende sacrificio
a unghie scavo la tua crosta,
la secca pianura mai concessa
cercando il verbo perfetto
pura, scarna, lucente immagine.
Sono tiepido, misero figlio
che prega rifugio
tra le tue cosce schiuse
e tu sanguinaria Medea
affondi denti e spine nella carne
mentre avvolgi un mantello velenoso
all’arco delle mie spalle.

Guido Mazzolini
Guido Mazzolini
Nacqui a Cremona troppi anni fa, da allora respiro nebbie fitte, afa padana e pianeggianti sensazioni. Pesante e immobile da sempre, mi esprimo come posso e come so, nello stesso identico modo che mi è stato concesso da un cinico fato. Scrivo parole convinto che l’espressione sia l’unica magia donata agli esseri umani per potersi elevare e somigliare sempre più agli Dei. Non esistono punti fermi nel mio esistere, solo zattere di comprensione in balia di un oceano agitato e onde altissime che conducono, malgrado noi, verso lidi sconosciuti. Per questo credo nella parola espressa come valore supremo; ci credo perché la voglio fortemente mia, la sento scorrere nelle vene più del sangue, possiede un proprio odore inafferrabile ed evoca consapevolezze diverse, la posso toccare con mano, ingoiare e respirare ogni istante. Credo nel “linguaggio dell’inesprimibile”, nelle sensazioni e intuizioni che solo parole non convenzionalmente espresse riescono a palesare realmente. Accendo l’ennesima sigaretta, inalo fumo, dubbi e allegrie. "Sono l’oscuro lato che nasconde la genesi più vera di me stesso." I miei figli: "L'Attimo e l'Essenza", "Diario di bordo", "Il passo del gambero", "Suoni", "La ragione degli alberi".

Suoi ultimi post

3 Commenti

  1. Medea dal manto velenoso...una bella immagine, degna del malamore.

    E quanto ce ne sarebbe da dire ancora, eh...non bastano le linee bianche di un singolo foglio, ma da qualche parte bisognerà pur cominciare, no?

    Niente male Guido...


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito