Nel senso di te

Un minuto al giorno per sorridere,
schiarisco la voce ed affronto una nuova storia
insieme a te, che mi siedi vicino, profumata come una notte d'agosto.

Fiori di gelsomino e rose la tua pelle sudata,
mentre gocce d'ambrosia colano dal tuo collo e dalla tua schiena,
sensuale pensiero di un amplesso rubato al passato,
note fluttuanti di un incerto futuro.

Scolpita nella roccia tedesca muovi veloce le tue mani,
l'odore di sesso mosso dai tuoi capelli pervade la stanza.
Non riesco a vivere questo istante,
vorrei morire per provare qualcosa di più estremo e più grande ma tu mi leghi qui.
Sei il mio cappio di piacere, la mia spada pirata sulla passerella, sei il mio oblio,senza via d'uscita,
dove l'eterno non passa mai.

Sfiniti accendiamo le nostre sigarette, una leggera brezza entra nella stanza accarezzando i nostri corpi,
reduci da una battaglia senza nessun vincitore incrociamo insieme le gambe,
sussurrando parole al vento, testimone di un sonno bambino, di un amore donato senza respiro.

poeta solitario
poeta solitario
Sono passato,un pensiero ricorrente,quel senso di vita nuova che mi pervade vedendo il disfacimento del mondo che fu, in un tempo non mio. E' proprio quando tutto sembra perduto che bisogna affrontare la fine col sorriso,perché ogni fine è semplicemente l'anticamera di un nuovo inizio. Nato nel 1977 l'8 di Febbraio dopo varie passate continuo la ricerca del mio amore perduto e del mio vero Io.Ho appena pubblicato la mia prima raccolta intitolata "Sensazioni d'Autore",un viaggio interiore nel tempo e nello spazio scandito da note poetiche e narrative.

Suoi ultimi post

Nessun commento ancora, aggiungi la tua opinione!


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito