Alleanza Fatale nuove avventure con la Forza

Recensioni Vito Tripi

di Vito Tripi

È probabile che Lucas non si aspettasse l’enorme successo che la saga di Star Wars, ormai più di trent’anni orsono, e soprattutto del suo effetto pioggia su tutto il mondo dell’immaginario, giocattoli, giochi di ruolo, gadget, fumetti, videogames e libri. Difatti il cosiddetto “universo espanso” di Star Wars ha avuto il suo fiorire proprio sulla carta stampata con numerosi libri che narravano le vicende antecedenti e subito posteriori alla morte dell’Imperatore Palpatine. A prenderne il testimone furono i videogames che aprirono nuove prospettive all’immaginifico lucasiano. Adesso la via del libro e quella del video-gioco si fondono assieme col volume Alleanza Fatale per Star Wars – The Old Republic di Sean Williams edito in Italia dalla Multiplayer.it Edizioni.

Il racconto segue gli avvenimenti del recente un videogioco di tipo MMORPG sviluppato da parte di Bioware, e prodotto da LucasArts intitolato Star Wars – The Old Republic. La storia è ambientata, 300 anni dopo gli eventi visti in Star Wars: Knights of the Old Republic e 3.500 anni prima degli eventi nei film. In questa linea temporale una grande flotta Sith appare all'improvviso dalle profondità dello spazio e scatena un'offensiva su vasta scala con il sogno di vendicarsi dei loro antichi nemici, i Jedi; decine di mondi dell'Orlo Esterno vengono immediatamente conquistati e molti sistemi vengono messi sotto assedio. Violenti scontri con l'esercito repubblicano si susseguono senza tregua in tutta la galassia coinvolgendo milioni di persone e riducendo moltissimi pianeti in rovina: nonostante lo strangolamento di frequentatissime rotte commerciali e la distruzione di basi militari strategiche e spazioporti vitali, la Repubblica resiste, sorprendendo non poco gli invasori. Mentre l'Impero Sith e la Repubblica sono impegnati nei colloqui di pace, un'armata d'elitè guidata da intraprendenti Signori dei Sith compie un feroce saccheggio a Coruscant, distruggendo il Tempio jedi e costringendo ad un'umiliante armistizio la Repubblica; gli jedi si ritirarono sul pianeta Tython cercando di ricostruire l'ordine ormai in frantumi.

Negli anni successivi al trattato, la paura e l'incertezza hanno attanagliato la galassia, il che ha permesso all'Imperatore Sith di perseguire i suoi misteriosi scopi, mentre la Repubblica si è concentrata a ricostruire la sua forza militare. Le tensioni tra la Repubblica e l'Impero sono in continuo aumento, segno dell'avvicinarsi di un secondo conflitto destinato a stabilire chi sarà a governare i pianeti e i popoli della galassia.

Ed è in questo clima che viene, appropriatamente, chiamato “Guerra Fredda” che si svolgono le avventure narrate da Williams. Tutto comincia con il “sequestro” della nave Cinzia da parte dei pirati al servizio degli Hutt. L’astronave, che proviene da Sebbadon pianeta sconosciuto, si autodistrugge ma i suoi resti, ed una parte del suo carico, vengono conservati. Pertanto la matriarca Hutt Tassaa Baresh indice un’asta che vede coinvolti sia imperiali che repubblicani, ambedue interessati al misterioso carico. Ogni fazione in lotta ai suoi motivi: i Sith agognano di mettere le mani su Lema Xandret tecnico dei droidi ribelle, probabilmente a capo della colonia su Sebaddon, e sulle sue invenzioni. A Sbrigare il tutto vengono inviati Darth Chratis e la sua apprendista Eldon Ax, in realtà Cinzia Xandret figlia della dissidente. La Repubblica e i Jedi sono interessati al pianeta perché ricco di materiali preziosi necessari a rimpinguare le ormai vuote casse repubblicane. Ed invia sul luogo il Gran Maestro Jedi Satele Shan e il suo Padawan Shigar Konshi. Ma ci sono anche altri giocatori sulla piazza: il mercenario mandaloriano Dao Stryver e il contrabbandiere Jet Nebula capitano dell’Auriga Fire. A rendere il tutto più interessante si inseriscono due personaggi quanto mai ambigui Larin “Toxic” Moxla un ex soldatessa repubblicana cacciata dallo Squadrone d’Elite Blackstar e che vive nei bassifondi, è Ula Vii un agente imperiale infiltrato nelle fila repubblicane.

Ciascuno è preparato ad affrontare quel che è necessario per ritrovare il tesoro, il cui valore può rappresentare il benessere per il mondo intero. Nessuno vuol rimanere a mani vuote. Tutti hanno segreti, desideri e strategie. E niente li avrebbe potuti unire come alleati, eccetto la verità sul mortale pericolo che nasconde l’oggetto desiderato. Difatti i resti della Cinzia contengono la tecnologia hex per creare dei biodroidi pericolosissimi e quasi invincibili che minacciano l’esistenza stessa della galassia. Questo porterà alla più insolita e instabile alleanza dell’universo che vedrà dalla stessa parte Sith e Jedi, Repubblica e Impero.

L’opera di Williams è quanto mai interessante un mix di spy story, con tanto di colpi di scena finali, romanzo di fantascienza classico e racconto intimista. Difatti la psicologia dei vari personaggi viene ampiamente affrontata mostrandoci i punti di forza, le debolezze, i dubbi e le convinzioni di ciascun personaggio. La storia è corale vista dai punti vista dei vari personaggi, Larin, Shigar, Ula, Ax poi diventa su due angolazioni, per ogni fazione in gioco, fino ad unificarsi al momento dello scontro finale per dividersi in mille frammenti nell’epilogo.

Di tutti i personaggi quelli, a mio avviso più interessanti, sono Larin e Ula, ambedue idealisti, costretti a fare vite diverse da quelle che agognavano e nascosti agli occhi di tutti. Non a caso nel finale le loro vie si incroceranno in maniera inaspettata. Un altro plauso va alla giovane Sith che come il omologo Jedi uscirà decisamente cresciuta da questa avventura. Da tenere in considerazione, per la sua cruda realtà, il discorso tenuto da Darth Chratis al Padawan Jedi.

Il romanzo si collega all’universo di Star Wars in una fase della sua storia che è ancora in via di esplorazione dalla narrativa cartacea, ed è anche un’introduzione a quel che promette di essere il più grande e ambizioso gioco di ruolo elettronico ispirato a quell’universo. Sean Williams, autore al primo posto nella classifica dei bestseller del New York Times, riproduce fedelmente l’universo lucasiano.

 

 

TITOLO: Star Wars: Alleanza Fatale – The Old Republic

AUTORE: Sean Williams

EDITORE: Multiplayer.it Edizioni

PAG: 520

COSTO: € 19,00

 

 

Vito Tripi
Vito Tripi
Vito Tripi collabora con l’Agenzia Stampa Deigma Comunicazioni specializzata in uffici stampa culturali, religiosi, sociali e tecnico-scentifici, con le Riviste “Charta Minuta” e “Storia del ‘900” “L’idea il giornale di pensiero”Dal settembre 2007 è opinionista cinematografico per l’emittente TeleVita nel programma “Lungometraggio”Ha curato la Rubrica Cinema e Libri per il periodico on-line www.nannimagazine.itCura la Rubrica d’arte “Gallerie Romane” per la radio Vaticana nel programma “Attualità della Chiesa di Roma”Cura la Rubrica Arte&Libri per il mensile “Il Giornale del Lazio”Curatore della manifestazione letteraria “Genius Loci” presso la Facoltà di Lettere dell’Università di Tor Verga

Suoi ultimi post

Nessun commento ancora, aggiungi la tua opinione!


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito