Tesò!
Tesò… Te devo aggiornà della situazione…
Forse è peggio del previsto, nn lo so…
poesse…
ma… ce risiamo.
O è no scherzo fatto bbene oppure è un disegno preciso, quantomeno pe famme morì d’ansia!
Stavolta la letterà è rossa…
rossa e sempre coll’impronta digitale, però, ho controllato, …so diverse!
Allora nun po’ esse na firma perché su ste cose i maniaci, se sa, so pignoli, ne po’ esse allora un dito che er maniaco, diciamo “se sia fatto mprestà” (pe sempre) da quarcuno, a meno che nun li collezioni!
(ma poi… anche fosse, quanno se decompongono le dita nun se deteriorano? Cioè, nun se rinsecchirebbe tutto? …vabbè, ce sarà er modo, tutto se poffà).
Allora… o nun è uno solo, oppure è uno che se stà a divertì!
…e poi, attaccato alla lettera, no scontrino,
…si, no scontrino, den bar tavola calda d’un certo Zhang Huazhong,
no scontrino da 80 centesimi, de sicuro un caffè.
Secondo te che è più importante? Che è un bar de cinesi o che è un caffè?
Cioè… è un indizio? La mala cinese me vole fa secco?
No… nun ponno esse così fessi addirittura da indicà un possibile indiziato…
Allora er caffè…
Ho capito!
Se stà a ‘nnervosì!
Si è così merda! …ma perché?
La macchina la parcheggio bene, vabè, in divieto de fermata ma se sa che qua se po’;
ok… è pure vero che i condomini me criticano perché tengo er giardino che è no schifo…
ma pure questo, che è un motivo pe minacciamme?
Me sento, ‘nbravo ragazzo, vabè, nel senso che nn ho mai fatto cose così gravi, lo sai!
Comunque… preparate che vengo al dunque!
Strappo l’lato stretto della lettera e tiro fuori er biglietto, in cartoncino, grigio!
(magari solo perché oggi era così er cielo dai, nun vojo crede che c’ha senso pure questo!)
E sto biglietto me lo trovo chiuso su se stesso da na forcina per capelli!
Oh… te lo dico subito… io sto apposto co la coscienza! Avrò guardato quarche culo 'ngiro perché so omo, ma lo sai che pe me nun esiste nessun’altra ar monno!
Lo sai no?
Però, mo, facendo du conti… è na donna come pensavo, anche se a sto punto che sia la cinese inizio a dubitallo, oppure è uno geloso che mettendo la forcina nella lettera me fa capì perché ce l’ha co me?
(Vabè, lo sai che io piacio, ma nn ce posso fa niente…)
Eppure anche quanno me prudono le mani me le tengo sempre ‘ntasca perché so omo si, ma fedele!
Te giuro, ma lo sai.
Ah… er biglietto?
Otto pm…
8 pm…
8 pm…
Cazzo…
8 pm…
8 pm!
(Cioè nun è che c’era scritto cazzo, però cazzo lo dico io!)
Ce sentimo dopo?
C’ho bisogno.
Ciao.

RickMor Pan
RickMor Pan

Oggi sono un ricercatore. Quando sarò stanco di cercare scriverò ciò che ho trovato. Nel frattempo ogni tanto scrivo…
Sono tante cose e forse nessuna per davvero. Ma fare ciò che si ama sempre è più che abbastanza no?

Suoi ultimi post

4 Commenti

  1. ma lo sai che il delirio del tipo mi piace assai? ed ora aspetto la prossima lettera...


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito