Pasqua di Resurrezione e Liberazione

Articoli Noria Nalli

È inutile....provo un senso di profondo malessere. Niente riesce a calmarmi.

"L'anima mia è triste fino alla morte" afferma il Cristo nella narrazione evangelica.
Tutto oggi mi turba, mi sconvolge, mi porta al pianto.
Sarà che è venerdì santo, ma quella di quest'anno è una ricorrenza particolare,

La Pasqua del 2011 cade solo un giorno prima del 25 aprile, festa della liberazione dal nazifascismo.
La passione e la sofferenza hanno travagliato il nostro paese per anni. Poi è giunta la resurrezione, la rinascita della democrazia.
Questo è anche un anno epocale, nel quale un vento di resurrezione è spirato anche in molti paesi del medio oriente. Da noi invece cosa sta capitando? Afflitti da mille problemi e diatribe politiche....privi dei forti contenuti etici portati dalla resistenza, siamo bisognosi di una nuova liberazione, che proprio in senso cristologico ci porti ad una nuova visione morale, spirituale della convivenza civile. Quello che deve nascere è un sommovimento di coscienze. Ognuno di noi, nel suo piccolo, può diventare un messia, che, sceso dalla croce, incominci a lottare sul campo per affermare la giustizia, l'eguaglianza, il rispetto dei più deboli e combatta il potere dei privilegi e delle intoccabili baronie.

Noria Nalli
Noria Nalli
Sono una giornalista free lance e amo raccontare storie...... Dopo una lunga esperienza di ricovero, ho iniziato a scrivere brevi ritratti di corsia per La Stampa di Torino,

Suoi ultimi post

1 Commento

  1. mi piace la tua riflessione.
    Da noi cosa sta succedendo?
    Succede che siamo addormentati e addomesticati e incapaci di renderci conto che tutto ciò che crediamo di avere è effimero.
    E se solo ce ne rendessimo conto anche noi non esiteremmoa scendere in piazza a richiedere a gran voce "libertà e democrazia"


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito