Oh, primavera... cosa vuoi da me?

Vuoi aprirmi l'anima ancora di più,
più d'un fiore, per farmi morire sotto un sole che non c'è?

Non t'è bastato il mio lunghissimo, infinito inverno?
Tremo ancora di interminabili pioggie.

E poi cosa farai? Mi darai un'estate per soffocare?
Un mare che sarò costretta ad ascoltare, mentre mi deride?

Elena Condemi

Elena Condemi
Elena Condemi
So solo che mi emozionai incontrando per caso un'Olivetti a casa di mia nonna, e non riuscii a lasciarla più. Pareva conoscermi meglio di chiunque altro. E la conservo tutt'ora, proprio come si fa con la propria vecchia e fedele bambola, con la stessa tenerezza..."Lo sviluppo dell'anima è come una poesia perfetta: ha un'idea infinita che una volta realizzata rende ogni movimento pieno di significato e di gioia." Tagore"Sono una piccola ape furibonda. Mi piace cambiare di colore. Mi piace cambiare di misura." Alda Merini"Non ho scritto secondo ragione, Né per fuggire un destino oscuro, Ma per sedurre le stagioni E piacere all’ineffabile azzurro,E per possedere ogni giorno, Senza smarrimento, senza rimorso, E sino al momento della mia morte,Dei diritti infiniti sull’amore..."Anna De Noailles

Suoi ultimi post

3 Commenti

  1. le paure non ci abbandonano mai e ci perdiamo l'attimo in cui sono finite le pioggie, il freddo è un ricordo lontano e il caldo torrido c'è tempo prima che arrivi e ci prosciughi dell'acqua che ora bagna al punto giusto il terreno dove le nostre radici crescono e assorbono e nutrono e portano le gemme a sbocciare e le foglie ad avere il colore verde forte acceso e rigoglioso.


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito