Primo studio per un monologo sull'odio

 

Potrei restare in silenzio per ore. Ah se potrei farlo!

 

… per giorni … anzi. Si si … mi piace così. Ma forse non piacerà a … agli altri. Gia. Ci sono gli altri. Anzi … gli Altri. Con la A maiuscola che sennò magari si offendono.

 

E no. Potrebbe non piacere affatto. Anzi ho il sospetto che  gli Altri potrebbero sentirsi addirittura presi in giro. Del resto sono qui con delle aspettative … gli Altri.

 

L’aspettativa della menzogna ben farcita … ipocritamente e delinquentemente spacciata per arte.

 

Ma sempre e solo di menzogna si tratta. Copiata da qualcuno che a sua volta l’ha copiata nel migliore dei casi. Pensata per essere buttata via. Regalata al prezzo del biglietto e rinnegata al termine della serata. E tutti felici e contenti. Chi a lodare… chi a biasimare. Ma comunque tutti. Tutti con qualcosa da dire.

 

E non è da poco il regalo che vi faccio … perché di regalo si tratta. Che con il prezzo del biglietto non ci compro neanche una faccia nuova per uscire da qui senza destare sospetti.

 

Se solo ve ne accorgeste. Se solo foste qui con me a guardare le vostre facce  ve ne accorgereste.

 

Come dire : siete lì che nel bene o nel male v’aspettate qualcosa. Ma l’unica vera menzogna di stasera è che nessuno si alzerà e andrà via ma resterete tutti qui a crocifiggermi. Così in una maniera o nell’altra saremo tutti appagati. Voi nel sentirvi giustificati ad inchiodarmi visto il prezzo del biglietto. Io davanti ad una bottiglia. Meritato premio per la fatica di avervi immancabilmente imbrogliato.

 

L’unico inconveniente del piano è che ci dobbiamo “odiare” per almeno cinquanta minuti. Sennò non se ne accorge nessuno.                                                                                                                                                                                                                                                           Chiariamoci. Nessuno odia nessuno. Fa parte della messinscena.

 

Potrei parlare del mio cane. Non sono tanti cinquanta minuti per parlare del mio cane. Potrei parlarne molto di più. Ma io no ho un cane.

 

Potrei parlare della vita partendo da una delle perle di saggezza che mi snocciolava mia nonna. Ma mia nonna era troppo saggia per snocciolare perle di saggezza.

 

O potrei fare come tutti gli altri e non parlare di niente. Ma sarebbe troppo facile. E soprattutto giustificherebbe il prezzo del biglietto. E non intendo essere così “onesto”.

 

Mi ci sento stretto io qui. Mi sento soffocare. Non è certo per piacere se sono qui adesso. Anzi se potessi farne a meno sarei da un'altra parte. Un’altra qualsiasi.

 

non dovrei far finta di condividere qualcosa con qualcuno che non ha niente da condividere . Qualcuno della cui presenza potrei farne benissimo a meno e sopravviveremmo lo stesso tutti quanti.  Sarebbe bello vedere ogni giorno una faccia nuova. Quando quelle conosciute diventano fastidiose. Insopportabilmente quotidiane. Come se la normalità fosse dover necessariamente aver a che fare con loro per sentirsi vivo. Per sentirsi vero. Ma io me ne fotto. Chi cazzo sono questi che mi si spacciano come veri con le loro violenze. Ma se morissero oggi fra un mese non ne sentirei neanche più la mancanza.

 

È questa la verità. Ed ora con questa verità mi ci pago un ingresso al Golgota. E guai all’ipocrita che mi viene sotto e mi dice … “ hai bisogno di una mano?” così da potermelo rinfacciare un giorno. Si portasse la sua di croce che è bella grossa.

 

Nicola Eboli
Nicola Eboli
teatrante

Suoi ultimi post

10 Commenti

  1. Niente male, è intrippante al punto giusto....coinvolge da più parti.

    E pensa se avessi parlato cinquanta minuti di una cane...che non hai!

    • sarebbe stato più coinvolgente ed interessante. come tutte le frottole che ci si racconta._bentrovato N.A.

  2. è sempre un piacere ritrovarti qui Nicola...anche se venissi a parlarci come dice Nevrotico del cane che non hai 😉

    • che sarebbe stata una frottola nella frottola dato che la cana ce l'ho.
      bacis

      • L'hai mai visto quel video chiamato "Basta Cani"?

        Dai un occhio quando puoi, merita molto sui cani ...

        • parli del video con antonio rezza? anyway a volte penso ad un cane come ad una metafora dell'essere umano. ma meno fastidiosa. almeno non parla. ma alla fine un cane è solo un cane (lapalisse sarebbe orgoglioso di questa definizione)_
          caro N.A. un saluto

          • Proprio di quello...dacci oggi il nostro cane quotidiano, il cane del vicino è sempre più verde, il cane del signore, il cane del mattino,

            Era proprio un bel cane..era il cane di tutti...

  3. Il silenzio come verità che non viene capita? Unica perla che non vale la pena di gettare ai porci, anzi Porci che sennò si offendono?
    a proposito come sta la cana?

    • la cana sta bene. anche troppo. ciao mariella. anzi guarda un po' che a giugno vengo a roma per fare una lezione di teatro e proprio sul SILENZIO.

  4. Vieni a Roma? Allora non fare che ti scordi di avvertirmi passando troppo silenzioso da Roma


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito