Quando l'ansia cosmica,
sollecita la luna
che,avvolta in fazzoletti di nubi,
ruzzola allegramente per il cielo,
i sogni danzano fra i tuoi capelli,
e la tua pupilla
scaglia ghirlande di fosforo
contro i bersagli fluttuanti della vita.

Quanti sospiri allora scaldando il silenzio della mia anima,
che si nutre di tristezza autunnale,
mentre la mia sera si oscura di palpiti.

Mi perdo nel tuo cuore
come l'allodola in albe remote e senza contorno;
e non sento il peso
della terra nel mio zaino.

Vorrei prestarti la mia cetra
e cantare con te all'ombra delle mie lacrime
la muta agonia degli alberi recisi,
il desiderio folle del ruscelletto per la sua vallata,
il fluir della pioggia
sugli steli esili,e la canzone della luce,ferita dal gelo.

Vorrei,quanto vorrei,
prestarti le mie vele  e il mio timone
e la sudata protesta dei miei occhi
e rannicchiarmi poi
come un cavalluccio marino
nella tenera intimità della vecchiezza.

Non posso,la natura me lo vieta:
ognuno nella vita deve fabbricarsi da s
l'aratro,le vele,le cetra:
da sé deve ricercare le aurore,
da sé deve affogare nei tramonti,nei gemiti dell'anima
deve comporre da se le sue canzoni.

Custodisci la tua  vita,
inventala,scoprila,un po' per giorno.

Vivi  l'oggi,ricorda i ieri,guarda al domani:
sii colomba che fugge dai pantani.

Fa come il contadino :
semina, lavora e aspetta l'estate.

l'estate è madre generosa,gioiosa,sicura,forte,calda:

In estate sì si canta, si falcia: senza fretta.

C'è sempre una chiesetta di campagna che ti in vita a pregare,
qualsiasi fede tu professi,
sempre un ruscello e un albero e un po' di cielo per sognare ed amare.

C'è sempre un senso nelle cose:
un senso nelle spine,
un senso nel profumo delle rose

Non dovess'io più vivere,
e rivedere il cielo,
guarda le stelle tremule,
fissane una, invocala.

Ti  giungerà all'orecchio ,
come lamento d'una cornamusa scandito dal vento

Senza valli.

poeta solitario
poeta solitario
Sono passato,un pensiero ricorrente,quel senso di vita nuova che mi pervade vedendo il disfacimento del mondo che fu, in un tempo non mio. E' proprio quando tutto sembra perduto che bisogna affrontare la fine col sorriso,perché ogni fine è semplicemente l'anticamera di un nuovo inizio. Nato nel 1977 l'8 di Febbraio dopo varie passate continuo la ricerca del mio amore perduto e del mio vero Io.Ho appena pubblicato la mia prima raccolta intitolata "Sensazioni d'Autore",un viaggio interiore nel tempo e nello spazio scandito da note poetiche e narrative.

Suoi ultimi post

Nessun commento ancora, aggiungi la tua opinione!


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito