Scott Sigler quando la paura è Contagio

Recensioni Vito Tripi

di Vito Tripi

L’Aviaria e l’H1N1 hanno aperto brecce nella nostra paura collettiva. Ed è seguendo quest’onda emozionale globale che si è mosso Scott Sigler col suo Contagio edito dalla Fanucci. Esistono stanze che in teoria non ci sono, in esse vengono catalogate e registrate tutte le nostre telefonate ed e-mail che possono contenere delle parole chiavi rischiose quali “omicidio”, “presidente”, “bomba” etc etc. Tra i vari termini presi in esame negli ultimi tempi dalla CIA ce n’è uno nuovo ossia “triangoli”. Difatti in alcune zone dell’America si sono verificate delle esplosioni di violenza da parte di cittadini all’apparenza innocui. Padri di famiglia, pensionati o studenti universitari che d’improvviso diventano dei paranoici assassini ed uccidono chiunque gli capiti a tiro. Unico filo conduttore la parola triangoli. Difatti ognuno di loro, alla polizia, all’ospedale e persino alla radio aveva parlato di certi misteriosi triangoli che parlavano nelle loro teste. La cosa potrebbe passare inosservata se non fosse che i casi aumentano e, soprattutto, che i contagiati portano dei segni di strane escrescenze parassitarie in più parti del corpo, e non solo, il loro processo di decomposizione è rapidissimo. Ad allertare la CIA, ci ha pensato l’epidemiologa Margaret Montoya, la quale, coadiuvata dal collega Amos, indaga segretamente e incessantemente per venire a capo dell’enigma. Lei però ha bisogno di un sopravvissuto per osservare da vicino questa strana e nuova malattia. Il compito di trovarlo spetta all’agente Dew Phillips veterano dell’Agenzia il quale a perso un collega proprio durante questa indagine.

La storia s’intreccia con quella di Perry Dawsey, ex promessa del football, dal carattere rissoso e con un passato di violenze alle spalle, che scopre sul suo corpo la presenza di sette triangoli blu. All’inizio è solo un fastidiosissimo prurito, poi, escono le escrescenze e con loro le voci dentro la sua testa che lo portano verso una lucida follia. Perry si segrega in casa e tra ricordi angosciosi, visioni e paranoie comincia la sua lotta contro l’invasore interno a suon di asportazioni in uno stile molto splatter che non lascerà il lettore indifferente. Intanto all’esterno è iniziata una corsa contro il tempo tra gli agenti governativi e i misteriosi triangoli che si dimostrano esseri senzienti e pericolosi. Probabilmente non solo l’America, ma tutto il mondo, stanno subendo un attacco clandestino da forze che non sono di questo mondo…

Sigler apre una nuova dimensione della paura, unendo componenti del bio-thriller, fantascienza e horror. Un libro incalzante, di cui è già pronto il seguito, che terrà il lettore col fiato sospeso, mostrandoci la storia da più punti di vista, quello di Perry, della Montoya, di Dew e degli ospiti parassitari. L’autore spolvera una paura antica come l’uomo: ossia la paura dell’altro. Si veda bene non del diverso, ma dell’altro, che può essere chiunque anche un nostro familiare. La paura di non essere più al sicuro neanche tra le pareti domestiche, dubitando anche di chi dorme accanto a noi. Sigler cavalca alla perfezione gli effetti post 11 settembre, post antrace e post aviaria mostrandoci un’America quanto mai spaventata e vulnerabile. Volendo si può leggere anche una vena di polemica inerente la violazione della privacy a fini della sicurezza nazionale, chiedendosi fin dove ci si può spingere in nome della democrazia? Un'ultima raccomandazione macula fobici e ipocondriaci astenersi dalla lettura...

TITOLO: Contagio

AUTORE: Scott Sigler

EDITORE: Fanucci

PAG: 457

PREZZO: € 17,00

Vito Tripi
Vito Tripi
Vito Tripi collabora con l’Agenzia Stampa Deigma Comunicazioni specializzata in uffici stampa culturali, religiosi, sociali e tecnico-scentifici, con le Riviste “Charta Minuta” e “Storia del ‘900” “L’idea il giornale di pensiero”Dal settembre 2007 è opinionista cinematografico per l’emittente TeleVita nel programma “Lungometraggio”Ha curato la Rubrica Cinema e Libri per il periodico on-line www.nannimagazine.itCura la Rubrica d’arte “Gallerie Romane” per la radio Vaticana nel programma “Attualità della Chiesa di Roma”Cura la Rubrica Arte&Libri per il mensile “Il Giornale del Lazio”Curatore della manifestazione letteraria “Genius Loci” presso la Facoltà di Lettere dell’Università di Tor Verga

Suoi ultimi post

Nessun commento ancora, aggiungi la tua opinione!


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito