Domeniche notti come treni merci

Ci sono domeniche notti che pesano come treni merci sopra la mia testa
perchè quando piangi, novanta chilometri di autostrada sono un continente.

Che mi si bloccano tutte le parole in gola
e i tuoi occhi grandissimi, i tuoi occhi tristissimi
mi bucano il cuore.

Venderei polsi e stomaco se servisse a farti correre di nuovo
metterei le ali alla mia schiena se il problema fosse la distanza.

Perdona il mio essere così inutilmente friabile
che davanti al dolore mi si tagliano le ginocchia
ma se ancora mi vorrai ci metterò l'anima nei nostri abbracci
perchè ogni tuo sorriso è una conquista
e se avessi il mare nello stomaco te lo darei tutto quanto
che poi ha le stesse sfumature dei tuoi occhi.

SCARABOCCHI BLU
SCARABOCCHI BLU
a volte accadono delle cose per cui il cuore ti si incastra tra la gola e lo stomaco e non puoi fare a meno di scriverne.

Suoi ultimi post

10 Commenti

  1. grazie karen...
    vorrei tanto che le mie parole servissero a qualcosa...

  2. le parole servono sempre, e quando sono così belle servono ancora di più a tutti quelli che le leggono... 🙂

  3. bellissima, veramente bellissima! 🙂 complimenti!
    ps le parole servono sempre, ad esempio, le tue ora sono servite a farmi emozionare. 🙂

  4. Le parole sono come gli anni, ne contiamo tutti e ciascuno ne ha bisogno per continuare a contare. Il dolore, poi, non merita rispetto quanto chi gli resiste.
    Brava/o

  5. ci sono parole e parole. Quelle che sarebbe meglio tacere e quelle che ti rapiscono e sono come una carezza sul cuore. Emozionano e caricano chi le legge. Le tue fanno parte di queste ultime.

  6. ti hanno già fatto tanti complimenti, io non posso che aggiungere i miei per come sai mettere insieme le parole, per come sai esprimere le tue emozioni


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito