Come Ulisse
in viaggio
verso l’ignoto,
strane ombre
intorno,
non c’è
la dea,
non c’è
la maga,
non c’è
la ninfa,
vedo il mostro
lontano
l’incubo di sempre
mi rincorre
- o dèi, salvatemi! -
vorrei gridare
ma la voce
è rotta
corro
m’insegue
si avvicina,
il labirinto
mi aspetta
e ho perduto
anche il filo...

Un chiarore
improvviso
è l’alba
che fa svanire i sogni
sono sveglio
sono salvo
non so da chi
non so da cosa
non so che fare
non so dove andare
io cerco
solo un sorriso.

httpv://www.youtube.com/watch?v=UAPcbODp438

Jeanpaul
Jeanpaul
Amicizia, amore, odio, indifferenza: realtà, fantasie o scherzi? Senza certezze, vivere infelici o con l'ebbrezza del disincanto? (jeanpaul/1996)Il tempo passa ma saremo immortali se saremo capaci di sopravvivere all'angoscia della consapevolezza. (jeanpaul/2010)

Suoi ultimi post

5 Commenti

  1. siamo tutti a fasi alterne un po' Penelope e un po' Ulisse... temi a me molto cari ed emozioni condivise
    bellissimo pezzo, in fondo tutti andiamo verso qualcosa affannosamente senza spesso sapere nemmeno cosa sia...

  2. ..penso di essere un cocktail di Ulisse e Penelope ..... .. bello sognare ma ogni tanto svegliarsi non guasta .... puoi trovare di fronte a te il sorriso che cercavi nei sogni! ..... bel racconto grazie 🙂

    • Grazie a te Giusy, penso che un sorriso sia sempre il più bel messaggio che si possa ricevere...

  3. E c'è chi non lo trova facendo tredicimila volte il giro del mondo...

    pensa te che difficile trovarlo, rispetto a tutte le meraviglie che a ogni esploratore è dato vedere...


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito