Un uomo migliore

Racconti matteo

Continuo a vomitare, troppo whiskey si prende lo stomaco. Lei è a casa che mi aspetta, ma non m'importa. Lavoro duro sei giorni a settimana e una sera la voglio tutta per me.

Magari i bambini piangono e lei, paziente, si alza e va a consolarli. Racconta loro la storia di quando ci siamo conosciuti, non so perchè ma li fa stare buoni. Questo almeno è quello che mi dirà domani mentre faremo colazione e io non riuscirò a sentire dal telegiornale del mattino come si è piazzato Valentino Rossi.

A me da bambino dicevano di dormire e io dormivo.
Quanto è complicato restare delusi. Un'aspirina, un po' di riso bianco per due giorni e questa sbornia sarà passata. A lei dirò che il lavoro mi sta facendo venire l'ulcera. La delusione ho idea che resterà lì.

Per gli amici sono un eroe, otto jack daniel's e mi sono fatto fare anche un pompino dalla barista. Lei intanto mi aspetta al caldo e questo mi dà tranquillità, quando ci penso.
Vent'anni fa ho conosciuto un tale che diceva di volersi suicidare. Da vent'anni lo ritrovo qui, ha sempre lo stesso proposito. Un giorno ci riuscirà e mi sentirò ancora più solo.

Domani pranzo dai suoceri, i bambini correranno su e giù per la casa dei nonni, io non sopporterò le loro grida isteriche e mi verrà da piangere perchè lo so che sono un uomo da niente, ma mi manca il tempo per guardarmi in faccia.

Guarderò le partite in tv bestemmiando e la sera mi sentirò troppo sporco per fare l'amore con lei, rimetterò la sveglia alle sei e mezzo come ogni mattina, le dirò che ho mal di testa e lei mi crederà e si preoccuperà per me. So che troverò nell'armadio una camicia pulita e ben stirata, per convincere tutti che sono un uomo migliore.

matteo
matteo
La speranza è nell'opera. Io sono un cinico a cui rimane per la sua fede questo al di là. Io sono un cinico che ha fede in quel che fa. (Vincenzo Cardarelli)-----http://badradio.splinder.com/

Suoi ultimi post

15 Commenti

  1. e' la distanza tra cio' che uno e' e cio' che dovrebbe (perche' per chi per come?) essere. fa la fortuna del venditore di liquori. o almeno... una volta la faceva. adesso chi li vende i superalcolici? e i pompini? ti ricordi qualche anno fa... il pompino? era rum e pera in bicchierini separati e calati. era figo andare da Carlo, il barista che sembrava Obelix e dirgli... carlo, fammi un pompino.... (alpexex)

    • ciò che dovrebbe essere.... imposizione chi ci vuole come e perchè e infine per cosa?
      Troppo difficile essere come si vorrebbe e, nella vita di oggi dove si rincorrono i compromessi e allo stesso tempo si rifuggono... ci si trova a mentire a tutto e tutti (soprattutto noi stessi).
      Una camicia pulita, bianca, stirata e inamidata... simbolo di serietà e purezza. Una delle tante maschere che indossiamo.
      Il rum e pera in bicchieri separati... ricordo un'estate intera in cui andavo dal barista e gli chiedevo.... rum e pera (non conoscevo il soprannome di pompino! : D)

      • secondo me ancora prima del come si vorrebbe essere, e' il come si e'. perche' tra chi ci vorrebbe in altro mod da come siamo... siamo anche noi.

  2. Se uno arriva a pensare certe cose della sua vita...e ovviamente non fa un cazzo a parte sguazzarci da vittima qualunque...

    dubito che meriti alcuna compassione...

    Se non se ne rendeva conto, magari si...poveraccio.

    Ma se lo sa e lo descrive talmente bene, è peggio di quello che vuole suicidarsi...

    N.A.

    • che e' sta' compassione....? 🙂

      • credo una cosa che si mangia....

        mai sentita prima in vita mia 🙂 ...

        N.A.

  3. @ Alpexex, non parlavo del rum e pera, ma della vecchia arte vera e propria.

    @ Nevrotico, ti va di spiegarmi meglio? ritieni che questo personaggio si stia piangendo addosso? sono molto curioso.

    • Non saprei...

      mi ricorda la vita di tutti, mai descritta per come è davvero.

      è un po come uno che sa di fare schifo ma sti cazzi, quasi a dire "ehi, sono fatto così, non sono un uomo migliore".

      E ci siamo...ma perchè sottolinearlo?

      Sarà che questa visione forse mi ricorda tante persone che ho incontrato, più una beffa che un danno, sapendo di essere in un modo e allo stesso tempo fregandosene.

      Allor perchè questa considerazione dell'uomo migliore, che ne sanno?

      Sarà quest'effetto, più o meno...quello che cercavo di intendere prima.

      ( lo stile del pezzo non centra con questa chiacchierata )

      N.A.

  4. oh si, l'ho capito di cosa parlavi. anche se dopo 8 jd e' piu' facile che ne esca un rum e pera che una pompa.
    volando volando... a me 8 jd fanno una pompa,.. 😉
    (alpexex)

  5. Per me invece lui trova il coraggio di guardare solo fin quando dura l'effetto dell'alcol, poi una volta svanito i freni tornano e gli occhi, automaticaente, si richiudono.

    • mah... Matteo, da uno che con l'alcol e non solo ha avuto una certa dimestichezza: c'e' chi ti accusa di farti o bere per dimenticare la realta'.. e chi dice come te che il coraggio di guardare dura l'effetto di un cicchetto. diciamo che dosaggio, qualita' e organismo interagendo fanno l'effetto. e l'effetto varia anche completamnte mescolando i diversi parametri. ma la cosa che fa piu' orrore e' la responsabilita' diretta dll'individuo. e' che o sei o non sei un coglione. non c'e' alcol eroina o trp che reggano. cmq, visto che e' un fatto soggettvo.. il personaggio e' tuo. indi sara' di quelli che l'alcol gli fa da coraggio e schiettezza. (li preferisco... soprattutto a quelli che soffrono di ciucca triste...)
      salut

  6. D'accordo con Karen: ordinaria infelicità, mascherata da tranquilla serenità, condita con la solita dose di menzogne... Bel racconto, complimenti Matteo 🙂


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito