Ogni volta che si parte per un viaggio impegnativo è come se si arrivasse ad uno snodo, ad un incrocio dove si è costretti a scegliere una nuova destinazione, inizialmente forse non pienamente consapevoli di ciò a cui si va incontro, perché possiamo solo immaginare, e quindi falsificare, ciò che ci attende, ma quando saremo tornati nulla sarà più uguale.

Al momento di una partenza in un modo o nell'altro, consapevoli o meno, è come se si facesse il punto della situazione…

Ci si rende conto di ciò che ci mancava, di ciò che era vecchio e va sostituito, di ciò che per tanto tempo abbiamo tralasciato e che invece forse dovrebbe far parte della nostra vita. In base all’esperienza passata la nostra ottica, il nostro metodo di organizzazione, si evolve ed ogni volta sembra tutto più facile, più naturale.

Man mano che si viaggia si impara a riconoscere quello che veramente è importante, quello che veramente è necessario, si scaricano i pesi inutili, le cose che in realtà non ci appartengono, ci si arricchisce invece di ciò che sicuramente ci tornerà utile, ci si arricchisce di noi stessi.

Preparandosi per un viaggio si fa il punto sulla nostra stessa vita.
Mai come in questi momenti si è coscienti di se, di ciò che abbiamo, di ciò che vorremmo, di chi siamo. Quando si organizza un viaggio ci si rende conto veramente se si è soli oppure no e di quanto riempiamo la nostra vita di palliativi a questo vuoto se ci assicurano di farci pensare un po’ meno, viziando invece il nostro ego.

Guardando indietro, più cose ho portato in viaggio più vuota forse era la mia vita.
Stasera parto e non ho portato mai con me meno cose e mai ho portato con me di più.

RickMor Pan
RickMor Pan
Oggi sono un ricercatore. Quando sarò stanco di cercare scriverò ciò che ho trovato. Nel frattempo ogni tanto scrivo... Sono tante cose e forse nessuna per davvero. Ma fare ciò che si ama sempre è più che abbastanza no?

Suoi ultimi post

5 Commenti

  1. Svolte importanti della nostra vita che segnano l'inizio di un nuovo viaggio.

  2. ...grazie! ho un sacco di frammenti abbozzati, incompleti che mai arrivano alla meta della pubblicazione, ma a volte anche condividere un momento solo, un semplice pensiero ha anche più significato.
    Ci si rivede al ritorno dal viaggio! ...non so se sarò più io però magari, chissà, forse sarà anche meglio 😉

  3. come dice Karen, giusta riflessione!
    A volte si pensa al viaggio come una via di fuga, pensando e sperando che il semplice fatto di allontanarsi ci iauti a risolvere i nostri problemi, a voltare pagina per poter tornare e ricominciare. Ma partiamo con troppi bagagli, ricordi, legami con il nostro presente
    forse un viaggio può essere un solo piccolo cambiamento nella vita di ogni giorno, liberarsi di tutto e saper rimettersi in discussione...chissà..in ogni caso buon viaggio!!!


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito