Goccia a goccia di dolore spento,
è il lamento che graffia aria e vento.
Goccia a goccia
spreme il tempo nuovo tempo –
e tempo viene che scortica ogni vanto;
tempo viene che mette
nel crudore del rimpianto,
nel crudore del rimpianto.
Nuove idee,
nuovi intenti e intendimenti,
trascendono la mia faccia
e preparano momenti
come nidi di serpenti,
come nidi di serpenti –
la mia faccia rivestita con la pelle
d’indecenti ammiccamenti.
Occhi giovani già vecchi,
occhi giovani eppur vecchi.
La faccia che viene e va lungo gli specchi:
occhi giovani eppur vecchi –
solleciti,svelti,inetti
solleciti,svelti e inetti.
Questo cuore era cuore spadaccino,
l’ha disarmato il tempo villano,
l’ha scempiato il tempo cecchino…
Se l’è piegato a suo piacimento,
se l’è preso,
e da allora ha stoccato il vento,
da allora ha stoccato
il vento soltanto.

M.T.

Massimo Triolo
"Meglio regnare all'Inferno,che servire in Paradiso"

Suoi ultimi post

n commento ancora, aggiungi la tua opinione!


nta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

nto *
Name *
Email *
Semb

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.