Il blues della coda di scoiattolo

cSenza categoriam Massimo Triolo



Adesso le mie preghiere
soggiacciono ad una legge severa.
Caverò il miele dall’ultimo favo,
e col riposo nel cuore
guarderò in faccia l’ultima sera.
Il mio pensiero vola a te
nell’aria pigra,
con ali di sparviero,
con ali di sparviero…
Mi hai regalato più di quanto potessi
sapere o sperare in due e più vite, ragazza,
con i tuoi seni precisi
e profumati come cedri maturi,
i tuoi lunghi e selvaggi capelli,
e la quiete negli occhi freschi e intelligenti
la quiete negli occhi freschi e chiari.
La strada è dura e impervia,
porterò poche cose,
partirò quando i grilli cantano.
E non c’è dio o satanasso
che possa fermare l’incedere
di questi vecchi stivali.
La mia mano è spessa e callosa, ma sa carezzare,
i miei intenti onesti,
ed ho comprensione di cose che tacciono.
Se al sesto giorno non mi vedrai arrivare,
allora qualcosa di grosso e terribile
si sarà abbattuto sulle terre che ci separano…
qualcosa di grosso e terribile.
Le stelle e il vento mi sono amici,
parto con la mia coda di scoiattolo
legata alla cinghia.
Massimo Triolo

 

Massimo Triolo
"Meglio regnare all'Inferno,che servire in Paradiso"

Suoi ultimi post

mmento


nta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

nto *
Name *
Email *
Semb

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.