Ho finito i sorrisi, quelli di ieri, ne avrò altri domani, ne ho qualcuno qui vicino ancora, ma di quelli piccoli, ora apprezzo le piccole cose. Basta miracoli, quelli fanno troppa luce. Le cose grandi fanno grandi salti e poi grandi botti, non sanno fermarsi. Né alzare le mani, né arrendersi agli eventi.

Ho finito i sorrisi, quelli grandi, incoscienti, quelli che ti mostrano trasparente e che dentro non nascondono niente.

Ho chiuso, con le battaglie perse, col tutto è possibile, con la fede cieca, ho messo gli occhiali e vedo meglio.

Aspettavo maggio, ma maggio non è più arrivato, quest’anno lo segna solo il calendario, è stato un inverno lungo, con qualche breve attimo di respiro, il tempo di asciugarsi e ricominciava a piovere, novembre non è mai finito. Eppure gli alberi sono fioriti.

Ci passerà sopra l’estate e seccherà le foglie, seccherà i ricordi, il dolore diventerà un tatuaggio che smetterà di fare male anche se potrai vederlo sempre e non si cancellerà per niente. Sta cicatrizzando anche se è così difficile mettere davvero quella parola fine.

Come la fine di un bel libro, quando pensi che ne inizierai un altro, quel punto a fine capitolo… è così difficile da inserire.

Oggi sorrido al vento, al ricordo di com’era una volta quando ancora dovevo provare tutto. Sorrido di uno ieri più lontano. Di quando da piccola mi chiedevo cosa farò da grande e ci credevo che da qualche parte sarei potuta arrivare.

Avevo sogni troppo grandi, più grandi di me, pesavano troppo e io che sono rimasta piccola non ce la facevo a tenerli dentro quella mano, dove li crescevo. Me ne andrò, tornerò a casa, l’unica casa che ho, dove sono nata, ricomincerò a guardare il sole e pensare che in fondo solo quello vale. Cercherò di non pensare a quel volo che mi aveva portato lontano, troppo lontano, in un posto da cui non me ne sapevo più andare, da cui non riuscivo più a tornare.

Sono di nuovo qui, smetterò di guardare il mare. Ricomincerò a lavorare, rinuncerò a tutto quel navigare che mi stava facendo naufragare.

Una vita normale, lo stipendio mensile, la settimana di ferie, qualcuno da aspettare che arriva davvero, come te che sorridi e non ti chiedi nemmeno cosa sto a pensare. Non entrerai mai dentro certe pieghe profonde, non vedrai negli angoli nascosti di questi pensieri, ma ti guardo e sei qui, qui, che pensi solo a cambiare canale e mi chiedi cosa voglio guardare. Voglio guardare te, quel sedere perfetto che ti accompagna in giro, le tue smorfie strane, voglio vederti invecchiare e dividere con te le bollette da pagare. Nel bene e nel male.

Adesso spegni la luce. Ho voglia di fare l’amore.

Karen Lojelo

Karen Lojelo
Karen Lojelo
Karen Lojelo, nasce a Roma il 25 giugno del 1976. Ha pubblicato 'L’amore che non c'è' romanzo 2008), la raccolta di poesie 'Binario 8' e 'l'ebbrezza del disincanto' (romanzo 2012). Nel 2013 è andato in scena uno spettacolo teatrale scritto da lei: Riflessi con la regia di Virginia Pavoncello. Nel 2018 è uscito il romanzo 'Non ti scordar di te' edito da Viola editricee vincitore del premio speciale della giuria al concorso internazionale Montefiore, subito dopo 'Margherita' una raccolta sui generis di racconti e monologhi su questo personaggio immaginario e dedicata alla sensibilità femminile. A novembre 2018 viene pubblicata una nuova edizione indipendente rivisitata e corretta di 'Binario 8', poesie strettamente collegate con i racconti di 'Margherita'. A breve è prevista anche l'uscita di un'antologia di racconti da lei curata con la partecipazione di altri scrittori tra cui nuovi autori e nomi noti. Gestisce un sito multi autore che promuove la scrittura e l’arte in tutte le sue forme //www.wordshelter.it/ Il suo sito personale //www.karenlojelo.it/

Suoi ultimi post

8 Commenti

  1. forse nessuno dei due, la 'vita' che ti cammina sopra e che non si può fermare...

  2. Incredibilmente vero..
    Sorrido perchè me lo sento cucito addosso..
    E' ora di farla finita coi treni che passano una volta sola..
    che lo prendano gli altri sto benedetto treno..
    io mi fermo qui.. e bene che stò !

  3. Incredibilmente vero..
    Sorrido perchè me lo sento cucito addosso..
    E' ora di farla finita coi treni che passano una volta sola..
    che lo prendano gli altri sto benedetto treno..
    io mi fermo qui.. e bene che stò !

  4. (la luce deve essere necessariamente spenta?)
    :)))


nta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

nto *
Name *
Email *
Semb

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.