Sono spazi sconfinati, è solo il mio prodotto in cui separo le macerie rumorose da quelle silenziose.
"Ti ho ripetuto spesso che ho la mente offuscata"
Sono i chiodi che ho gettato a terra, su cui ora cammino a piedi nudi.
"Ti ho sempre detto che ho il sangue scuro e denso"
Sono i silenzi che ho lasciato sospesi tra le porte aperte.
"Ti ho mostrato il mio tenero strato modellabile"
Sono i passi che ogni volta mi separano dal tuo passo.
"Ti ho fatto entrare nella corruzione della mia anima, ingannandola che fosse sola"
Sono le riprese in volata nella corsa verso il nulla.
"Ti ho separata dal resto del mondo e dagli eccessi delle mie psicosi"
Sono scampoli e brandelli di questo tempo, così serenamente adagiato su una parete del mio stomaco, misto a succhi gastrici e vomito.
Sono sirene mute suonate da violinisti senza mani, eseguite nel salone della grande opera.
Sono pietre intrinseche di fango, lasciate nell'umido letto di un fosso ormai prosciugato.
È il mio collo che ha ancora le vene gonfie di rabbia, come la tua mano scagliata contro una porta.
Sono i rumori dei nostri sonni spenti e riaccesi.
È uno scatto rubato ad un attimo della nostra vita.
È quello che eravamo. Siamo. Saremo.
"Ti ho detto di saltare ad occhi chiusi"
Sono le imprecisioni dei luoghi e dei tempi a regalarci istanti.
"Ci ho raccolto dalle sabbie mobili delle nostre vite"
Sono i momenti in cui siamo che mi fanno amare il momento in cui sono, aspettando l'attimo in cui saremo.
"Ti ho detto che cammino delle ombre oscure almeno una volta al giorno"
Ho ripreso conoscenza viaggiando con te ed un cane bianco.
"Ti ho detto che ho ritrovato casa".
Sto aspettando (insieme ad un cane bianco), che Tu arrivi.

Selene Porcaro
Selene Porcaro
Era l'11 agosto del 1979 quando mia madre dopo dieci giorni di "travaglio" riuscì a mettermi al mondo all'ombra della Torre Pendente nella città di Pisa. Provengo da una famiglia con origini campane,molto numerosa e chiassosa ma che non cambierei mai con nessun'altra al mondo. Dopo le scuole medie nella cittadina in cui vivo ho frequentato il Liceo Classico a Pisa per tre anni per poi abbandonare tutto e mettermi alla ricerca di una me stessa che forse non avevo mai perso. Dopo vari lavori ho deciso di frequentare il corso per Operatore Socio Sanitario dell'Azienda Ospedaliera Universitaria Pisana e dopo la qualifica,presa nel dicembre 2010 lavoro da circa un anno con gli anziani. Ho iniziato a scrivere a otto anni,una sera guardando fuori dalla finestra della mia camera,molte cose sono cambiate nel paesaggio circostante ma la mia passione per la scrittura mai. Non potrei vivere senza scrivere,senza fare fotografie,senza ascoltare musica e senza leggere:questi sono i pilastri fondamentali della mia esistenza. Credo nella giustizia e nella lealtà,dico sempre quello che penso e lotto per le cose in cui credo. Amo la mia famiglia ed i miei amici ma soprattutto i miei numerosi nipoti. Ringrazio Dio o chi per Lui per avermi concesso questo meraviglioso dono che è la Vita.

Suoi ultimi post

mmento


nta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

nto *
Name *
Email *
Semb

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.