Calzini e girasoli

Racconti Elena Condemi

S’erano graffiati i girasoli quel giorno, sì,
e il tempo bruciava senza scaldare e senza passare.
Anzi, non era nemmeno un bruciore vero, ma più simile ad un fastidioso formicolio.

Le pesche sollecitavano vanamente all’estate,
lì col loro buon profumo sul ripiano della cucina.
Vanamente, poiché il cielo indifferente era rimasto,
d’un chiarore palliduccio come lo sbadiglio di un neonato.

Ed era già pronto a tavola, tutto pronto,
sempre pronto per cose mai davvero importanti.
Ma lei, ingabbiata in quel solito giro di giostra, non poteva dirlo né cambiarlo.
Allora ammutoliva l’anima per tenersela al riparo,
mentre s’affaccendava ancora, ed ancora,
con le solite cose ch’era ovvio facesse.

Così le fette di giorni dorati non si sapeva più dove fossero andate a finire…
Magari erano finite anch’esse su uno dei ripiani della cucina,
e ripescarle avrebbe significato liberarsi prima
delle ciotole abitualmente usate che stavano davanti,
e le ricoprivano, fino a non farle vedere più.

Ma la giostra non voleva saperne di mollarla,
e le cinghie sembravano sempre più strette.

Allora lei camminava su pezzi di cielo stesi ad asciugare,
mentre dal fumo di certi pensieri
le pareva di vedere come attraverso il buco d'un calzino.

Elena Condemi

Elena Condemi
Elena Condemi
So solo che mi emozionai incontrando per caso un'Olivetti a casa di mia nonna, e non riuscii a lasciarla più. Pareva conoscermi meglio di chiunque altro. E la conservo tutt'ora, proprio come si fa con la propria vecchia e fedele bambola, con la stessa tenerezza..."Lo sviluppo dell'anima è come una poesia perfetta: ha un'idea infinita che una volta realizzata rende ogni movimento pieno di significato e di gioia." Tagore"Sono una piccola ape furibonda. Mi piace cambiare di colore. Mi piace cambiare di misura." Alda Merini"Non ho scritto secondo ragione, Né per fuggire un destino oscuro, Ma per sedurre le stagioni E piacere all’ineffabile azzurro,E per possedere ogni giorno, Senza smarrimento, senza rimorso, E sino al momento della mia morte,Dei diritti infiniti sull’amore..."Anna De Noailles

Suoi ultimi post

4 Commenti

  1. e chissà che da quel buco nel calzino non trovi il modo di scendere dalla giostra!

    • Questo lo sapremo alla prossima puntata:D

  2. Una casalinga con i suoi sogni perduti...ingabbiata dalle ovvietà quotidiane...quando troverà il coraggio di reagire?.


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito