Eccomi qui.
Impegnato nella compulsiva ricerca della solita serratura dove appoggiare l'occhio destro ed attraverso la quale spiare il passato di nascosto.

Stamattina al posto del cuore ho un gomitolo di lana che invece di pompare e soffiare via sangue si srotola, come sollecitato dalle mani di una anziana signora.
Posso vederla ancora lì seduta sul suo divano rosso.
Ha il sorriso scavato sul volto e fissa lo sguardo nella mia direzione.
Mi guarda, alza un sopracciglio, sorride di nuovo.
Io rivivo la scena ed un istante di felicità mi passa sopra la testa sibilante come un proiettile di piccolo calibro. Purtroppo però mi supera, capisco che è destinato ovunque, ma altrove.

"Ciao nonna!"
"Vuoi una sciarpa o un bel maglione?"
"Una sciarpa giallorossa nonna!"
"Lunghissima come piace a te.."
"Si lunghissima.."
"Ti voglio bene nonna!"

A distanza di tanti anni colmo questa spietata sensazione di vuoto come non farebbe una persona qualsiasi.
Scrivendo.
Non ci sei più e non è un trucco da risolversi con il solito specchio nel bagno.
Come intrappolato in un vecchio film, rivivo centinaia di volte le stesse inquadrature e vengo travolto da quelle immagini in parte bianche ed in aprte nere che nessuno apprezza più.
Ricordo ancora tutte le battute a memoria, ma non rammento quale fosse la frase nella scena finale.
Sei rimasta in silenzio e, del momento in cui nulla è stato più come prima, non rimane che l'eco di quello che accadde dopo la fine.
Ci sarà però sempre un qualcosa che mi parlerà al posto tuo e sarà come se tu fossi ancora qui.

E' accaduto un sabato pomeriggio dopo tanto tempo.
Avevo al collo quella lunghissima sciarpa e nel cuore solo il pensiero di quanto ti avrebbe fatto piacere rivederla.
Cara nonna, ricordo quella giornata ventosa al mare, quando mi indicasti gabbiani in cielo che sembravano immobili.
Volavano, eppure non si spostavano di un metro, nè avanti nè indietro.
Ecco, oggi io mi sento davvero così.

Volo immobile sfruttando il vento contrario.

Gianluca Marcucci
Gianluca Marcucci
L'anno di nascita è un enigma: Il numero degli sbarcati con Garibaldi, moltiplicato i figli della Lojelo, sottratti gli apostoli, moltiplicato il modello della fiat più venduto nella storia, sottratta la maggiore età, per il numero dei moschettieri, diviso i punti cardinali. Romano di nascita, piemontese di adozione, imprenditore per passione, giornalista per definizione e scrittore per gioco. Dicono che sia un professionista del poker, ma la mia vittoria piu' grande è alta circa un metro, fa qualche capriccio e quando sorride mi trasforma in Peter Pan... http://poker.sportmediaset.it/wpmu/

Suoi ultimi post

4 Commenti

  1. come mi sono ritrovata nelle tue parole... seduta sul divano dei miei ricordi la mia mamma che mi chiede: "Cosa vuoi che ti prepari per cena?" e io a risponderle: "Gnocchi mamma, di come sai farli tu, morbidi morbidi che ti si sciolgono in bocca..." e il problema che ora ho un groppo alla gola e le immagini come dici te sono ferme su scene vissute e rivissute magari in bianco e nero che non torneranno più...

  2. il tuo pezzo mi ha lasciato sospesa nel ricordo... e così eccomi a parlar da sola con il fantasma di chi non c'è più!
    🙂

  3. il tuo pezzo mi ha lasciato sospesa nel ricordo... e così eccomi a parlar da sola con il fantasma di chi non c'è più!
    🙂


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito