Eccoti,
ti vedo.
Ora, sdraiata su quel letto,
serena, dopo aver fatto l’amore.

Io ti vedo,
e ti ho sempre vista.
Ora che nuda mi appari indifesa,
ora che sembri riposarti serena,
ancora una volta,
io ti vedo.

Accanto a me,
io ti vedo.
Vedo il tuo cuore battere,
i tuoi capelli fluenti,
coprire la spalla
e lambire lenti
il tuo seno.

Vicino a me,
nuda e tranquilla,
io ti vedo,
e prego Iddio
che non diventi mai cieco.

Stefano Crifò

Stefano Crifò
Stefano Crifò
Secondo il Calendario Gregoriano, nacqui il primo giorno del IX mese dell'anno MCMLXIV. Mi piace scrivere dall'età adolescenziale, ma solo da poco ho imparato a condividere questo sentimento. "La poesia è indispensabile... ma vorrei sapere perché." (Jean Cocteau)

Suoi ultimi post

4 Commenti

  1. c'è tanto amore
    una carezza fluente lungo tutte le parole.

  2. vedere con gli occhi del cuore... meravigliosa


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito