Vorrei non essere io, ma non vorrei nemmeno essere te

Poesie Stefano Crifò

Vorrei essere come il vento che soffia
o la foglia che vola, portata dal vento che soffia.
Vorrei essere come l'acqua, che niente può imprigionare
o la medusa portata dalle correnti del mare.

Vorrei essere un gatto sinuoso ed agile
o l'aquila che solitaria, vola alta nel cielo.
Vorrei essere il cielo per osservare il mondo sotto di me.

Vorrei, ma non voglio.
Corro, poi cammino, mi fermo
ed osservo il mondo che si muove intorno
e più lo guardo e più non so quello che vedo.

Sarò libero un giorno
ed il corpo diventato polvere
allora ci incontreremo
ancora... forse... chissà?

Sarà un mondo migliore
o forse non sarà nemmeno questo,
magari diverso, o totalmente nuovo
ed io non sarò più io, e te non sarai più te.

Ci ritroveremo un giorno in un mondo
dove non saremo niente
dove il niente sarà tutto.

Vorrei essere qualcosa... che ancora non c'è.

Stefano Crifò
Stefano Crifò
Secondo il Calendario Gregoriano, nacqui il primo giorno del IX mese dell'anno MCMLXIV. Mi piace scrivere dall'età adolescenziale, ma solo da poco ho imparato a condividere questo sentimento. "La poesia è indispensabile... ma vorrei sapere perché." (Jean Cocteau)

Suoi ultimi post

2 Commenti

  1. siamo in continua evoluzione per tutta la nostra esistenza e continuamente ci alterniamo fra ciò che vorremmo essere e ciò che siamo. l'augurio di divenire qualcosa che ancora non c'è è quanto di più buonaugurio ci possa essere, ovviamente per la mia semplice opinione.


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito