Perdonami se ti ho dimenticato, l’amore spesso si spaccia per tale ma poi ha tutto un altro sapore e ti ritrovi le mani piene di cose che non volevi e non sai dove appoggiare, allora apri le mani e le lasci cadere fingendo una distrazione e io camminando ho lasciato scivolare tutto che avevo già gli armadi pieni di altro, altro che avevo archiviato con cura per forma e colore e tu non ci stavi proprio avevi tutta un’altra colorazione.

Ma non preoccuparti che le lacrime a senso unico si seccano presto non valgono tanto quello che abbaglia è solo il riflesso non è luce propria e vedrai che camminerai e camminando troverai altro da custodire che non sono io perché io non ci sono mai stata davvero seduta al tuo fianco ero sempre in un altro posto anche mentre mi credevo presente.

Sorriderai perché di me in fondo non hai mai saputo niente e non sono mai stata quello che avresti voluto lo hai solo immaginato, ero sempre un po’ più in là e i miei occhi vedevano strade che ho attraversato da sola mentre tu pensavi di tenermi la mano, la mia mano teneva in piedi un mondo lontano mille miglia dove nemmeno per me a volte c’è posto, per me che resto a guardarlo e anzi a volte credo solo di immaginarlo.

Perdonati per aver capito altro, a volte il senso dipende da dove decidiamo di guardarlo.

Karen Lojelo

Karen Lojelo
Karen Lojelo
Sono nata a Roma il 25 giugno del 1976 dove ho studiato, vissuto e lavorato fino al luglio del 2007, poi ho iniziato a scrivere il mio primo romanzo: “L’amore che non c’è” poi è stato il tempo di "Binario 8" una raccolta di poesie (che scrivo da sempre). Appena uscito il mio nuovo romanzo 'L'ebbrezza del disincanto' e a breve un'antologia di racconti curata da me Mariella Musitano e Sara Marucci. Nel 2013 è andato in scena il primo spettacolo teatrale scritto da me 'Riflessi' e attualmente sono impegnata nell'ultimazione di un nuovo romanzo. Chi sono io? Bella domanda…: "io sogno cose che non sono mai esistite e dico: «Perché no?». George Bernard Shaw

Suoi ultimi post

6 Commenti

  1. Bellissima l'immagine che hai scelto.... parla da sola.


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito