Omaggio a Berryman

Poesie Massimo Triolo


C’è questa ferita aperta – profonda sul mondo conosciuto –a traboccar rugiade ambrate e filamentosi succhi,
di che trarre putrescenti abluzioni di cieca, furente ferocia.

E affanni, meraviglie, codici a barre sotto cupole di sangue:
posso certo adempiere a iperboliche paranoie tecnotroniche.

Stregone misterico, su incesti di sangue piegato a giubilo, io sono.
La mia ferita che pasce, ingrata e assurda,bevo,
a passeggio per un imperversare di amori,
stagionali e blasfemi come una griffe.

Discinte virtù di dei nani sbracati a festa coi coglioni in  mano;
famiglie benedicenti  bandiere e abecedarie sobrietà –
a slancio su metaboliche psicopatologie da gnosi catodica…

Meccaniche assassine del giusto nell’ovvio,
pregiudizievoli macellaie di giovane carne
essudatrice di ormonali esuberi d’anima.

Ho marciato un turbinare di parossistici inchini plurimi –
e sbadigli,ginnastiche proteiformi di obbedienza dativa
d’intransitive mattanze.

C’è questa ferita aperta,che pasce e freme e butta linfa –
a lubrificare il moto rotatorio
sull’asse di geosferiche escatologie di estinzione.
Un’ idea assassina, ho maturato, sotto vuoto,
fra l’ala coriacea della colomba e la dinamo del giudizio.

Colpevoli astanti, biascicano trasmodanti quantità
di chiacchiere ostensive del nulla,
sullo scrupoloso calco di cedue verità,
tra rimozione e sollecita penuria di midollo.

Operose macchine schizo-transfert, che mi incalzano la testa.
Su vasti scenari d’ intonaci di sangue
s’apre l’agiografico sepolcro della colpa universale:
e schiude,figlio reietto d’avanguardistiche omissioni,
uno sbadiglio mortifero da cronaca nera,
a mattino spazzato con diligenza inetta.

Massimo Triolo
"Meglio regnare all'Inferno,che servire in Paradiso"

Suoi ultimi post

Nessun commento ancora, aggiungi la tua opinione!


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito