Finta di niente

cRaccontim Karen Lojelo

Era un po’ che non incontravo quello strano signore, se ne stava lì seduto immobile e continuava a chiedermi: "Come stai?" e io continuavo a raccontare episodi, sciocchezze, piccole novità e lui insisteva sempre ", ma tu come stai...?" "Beh" gli ho detto ad un certo punto, "È difficile incontrare ogni giorno più persone che parlano di niente, a volte ci si sente soli eppure si rifiuta qualsiasi compagnia perché ti sembra di non parlare la stessa lingua".

Continuava a dire che non gli stavo rispondendo, e ha iniziato a fare un discorso strano, ha detto: " Sai nella vita c'è un momento in cui si riesce ad essere davvero felici, è una magia, un'alchimia che scatta all'improvviso, qualcosa che non si può descrivere e una volta che la provi tutto il resto non ti interessa più, ma vedi questo bicchiere, tu lo tocchi... ed è solo un bicchiere, invece in quel momento diventa bellissimo anche questo bicchiere, però continuando a prendere il bicchiere come esempio se tu lo vuoi lui si allontana e si sposta sul tavolo nel verso opposto a dove sei tu, se smetti di volerlo viene da te, tutta la vita è così, tranne quel momento perfetto, che può durare giorni, mesi, anni per i più fortunati, ma può durare anche un secondo solo, e già sei fortunato se ti capita una volta"

"Sì so di che parli"
"No che non lo sai"
"Ti assicuro di sì... e tu ce l'hai avuto un momento così?"
"Sì che l'ho avuto" I suoi occhi si sono velati, un misto tra commozione, fierezza e accettazione.
"E come fai adesso a continuare a vivere... quale motivo trovi per alzarti ogni mattina, per andare a lavorare, per continuare a vivere ora che conosci la differenza  con tutto il resto?"
"Faccio finta di niente. Mi alzo, vivo, incontro gente, faccio finta di niente, certi giorni sono migliori, certi peggiori, ma vedi speri di incontrare qualcuno come te oggi con cui ne puoi parlare e che parla la tua stessa lingua, così puoi far finta per qualche minuto che sia ancora possibile e poi continui a sperare che sarai così fortunato da viverlo un'altra volta ancora. Certi giorni girano male, allora stai a casa, chiudi le persiane, non rispondi al telefono...e aspetti che passi...devi fare finta… finta di niente, sgrullare le spalle....finta di niente..."

Karen Lojelo

Karen Lojelo
Karen Lojelo
Karen Lojelo, nasce a Roma il 25 giugno del 1976. Ha pubblicato 'L’amore che non c'è' romanzo 2008), la raccolta di poesie 'Binario 8' e 'l'ebbrezza del disincanto' (romanzo 2012). Nel 2013 è andato in scena uno spettacolo teatrale scritto da lei: Riflessi con la regia di Virginia Pavoncello. Nel 2018 è uscito il romanzo 'Non ti scordar di te' edito da Viola editricee vincitore del premio speciale della giuria al concorso internazionale Montefiore, subito dopo 'Margherita' una raccolta sui generis di racconti e monologhi su questo personaggio immaginario e dedicata alla sensibilità femminile. A novembre 2018 viene pubblicata una nuova edizione indipendente rivisitata e corretta di 'Binario 8', poesie strettamente collegate con i racconti di 'Margherita'. A breve è prevista anche l'uscita di un'antologia di racconti da lei curata con la partecipazione di altri scrittori tra cui nuovi autori e nomi noti. Gestisce un sito multi autore che promuove la scrittura e l’arte in tutte le sue forme //www.wordshelter.it/ Il suo sito personale //www.karenlojelo.it/

Suoi ultimi post

2 Commenti

  1. come cogli tu i pensieri più intimi delle nostre anime


nta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

nto *
Name *
Email *
Semb

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.