Non diventare facile, non adesso!!!
Non diventare monotonia, la consapevolezza che sei qui, che mi dormi accanto e che mi basta allungare le mani per prendere le tue. Non essere ora la sicura certezza che sei parte di me e della mia vita, ora e per sempre..
Quando avrei voglia di perderti per venirti a cercare, quando vorrei ancora bussare alla tua porta per gustare quell'attesa prima che tu ti decida a venirmi ad aprire.
Quando forse mi manca quel mio essere incerto, insicuro, in bilico sulle tue labbra e sul tuo cuore...

Non cambiare adesso, non farlo solo perché mi hai. Non lasciarti scoprire per lasciarti possedere subito e come io ti vorrei.
Ritorna mistero, enigmatica magia che intrappolò il mio cuore e mi tolse il fiato, quando il mio respiro si perse nel tuo. Ritorna ad essere come tu eri, come io ti dipinsi per immortalarti dea nella mia mente.
Quando niente era facile e nulla era dovuto o dato per scontato. Quando aspettarti era tutto e vederti era già paura di perderti, paura di rompere l’incantesimo che ci volle unica cosa.

Ritorna ad essere l’attesa insonne per un tuo messaggio, la sorpresa di vederti di rado e volerti sempre di più. Ritorna ad essere la deliziosa scoperta dei tuoi nuovi trucchi, vestiti e acconciature, i giochi di sguardi e i sorrisi di cui mi innamorai.
Ritorna ad essere a timida paura dello spogliarti le prime volte, l’assaggiare il tuo sapore e scoprire i tuoi angoli più nascosti. Dove mi persi, dove ti trovai. E non ti avrei mai più lasciato andar via.

Non diventare facile, non adesso!!!
Quando vorrei tornare indietro per accorgermi che non sei cambiata, che sei ancora quella che è entrata per incasinarmi la vita, ingarbugliarmi i pensieri ed il cuore. Quando vorrei che tu fossi  ancora quella che mi fece dubbioso stratega, incapace di decidere se attaccare la tua fortezza o solo battere in ritirata.

Ti prego, non cambiare, non adesso!!!
Torna ad essere la mareggiata che spazzò via l’acqua stagnante del mio cuore. Torna ad essere la stella cadente a cui ho aggrappato i nostri sogni più grandi. Torna ad essere quella coperta calda che feci dei tuoi occhi e del tuo corpo delicato.

Torna ad essere tutto e l’opposto di tutto, qualcosa di incontrollabile, inconcepibile.
Domande senza risposte, insicurezza nelle decisioni. Al bivio tra l’inferno e il paradiso e quel non saper dove andare.

Non diventare facile, non adesso!!
Non diventare il sogno raggiunto, non essere solo un mare calmo e piatto, una coperta di cui ci si vuole liberare al primo calore primaverile.
Torna ad essere brama e voglia, torna ad essere difficile ed inafferrabile.
Torna ad essere tu.
Quando eri fuori da tutti gli schemi e io forse ero solo fuori di me ....

Manuel Chiacchiararelli
Manuel Chiacchiararelli
Nato a Roma, nel lontano 1975. Da allora sempre in movimento, prima in Italia, poi in Europa. Fermarsi e ripartire, rimettersi in gioco, fare esperienze sempre e comunque E la scrittura, unico punto fermo nella mia vita burrascosa, mi aiuta a catturare i ricordi... A fine 2011 finalmente ho coronato il mio sogno ed ho pubblicato il mio primo romanzo "Lo Sguardo dei Faggi" edito da Aracne Editrice .

Suoi ultimi post

12 Commenti

  1. Molto bello, complimenti Manuel. E' avvincente in ogni coppia la lotta per l'origine, per sentire la passione che ha fatto nascere qualcosa di importante, la voglia di non far finire quel qualcosa di importante. Si dice che si possa amare in due modi, come il fuoco o come la brace. Il primo si consuma presto il secondo non ha grande passione ma dura a lungo.

    Crediamoci ogni giorno e gettiamoci nel fuoco 😉

    • Grazie Giuseppe
      bisogna crederci sempre, questo si ...e fare di tutto per mantenere viva la fiamma e continuare a bruciarsi

  2. Grande Manuel... molto bello.
    L'amore è vita e la vita si vive ... e in parte si inventa: con la fantasia, con il desiderio, con la perenne curiosità...
    Per questo è così bello innamorarsi.

    • Grazie Stefano
      si, e l'amore bisogna aiutarlo a vivere e crescere con la fantasia, con l'invenzione...per evitare che, dopo il bello dell'innamoramento, tutto vada a scemare...

  3. Ironia della sorte, Manuel, passare tutto il tempo a cercare di rendere più facile la nostra vita e poi...

    ...quando sai che lo sta diventando capisci, soprattutto in certe situazioni, che non puoi farci nulla e resisti contro natura.

    Mi è piaciuto rileggerti.

    N.A.

    • Ciao N.A.

      già, ironia della sorte...o forse è solo insito nel nostro DNA: sognare il massimo, sognare una vita facile e non fermarsi quando il tutti si è realizzato perché, in fondo, ci piace sognare. Ne abbiamo bisogno per vivere...

  4. Ti commento con una citazione: “…Ah si vivesse solo di inizi, di eccitazioni da prima volta, quando tutto ti sorprende e nulla ti appartiene ancora … nel mezzo c'è tutto il resto e tutto il resto è giorno dopo giorno e giorno dopo giorno è silenziosamente costruire e costruire è sapere e potere rinunciare alla perfezione.” (dalla canzone “Costruire” di N. Fabi)

    • ciao Karen

      non conoscevo la canzone , ma descrive esattamente il senso del racconto
      Non si può vivere solo di inizi, ma si po provare ad iniziare qualcosa di nuovo ogni giorno ... 😉

  5. Chi non ha vissuto questa tua lettera aperta? Ogni coppia, chi prima chi dopo, quando l'innamoramento finiva e rimaneva l'abitudine e la certezza. Io credo altresì che non si può bruciare con la stessa persona da qui a fin che morte non ci separi. Impossibile. Retaggio del romanticismo, questo nostro sperare che ancora e ancora ci sia tempesta ci sia desiderio incontrollabile. Manca eccome se manca, ma non può tornare perché la coppia si evolve e cresce. Eppure esistono quelle coppie felici che riescono a trovare qualcosa di nuovo e che lo vedi dagli occhi che brillano, dalle mani che si cercano. Non è però la bramosia del possesso della paura che l'altro non sia mai tuo. è qualcosa che io ritengo essere empatia, capirsi al primo sguardo, perché con il tempo ogni gesto e sguardo dell'altro lo si conosce come le proprie tasche. Le coppie che mi è capitato di conoscere con la luce negli occhi sono quelle coppie che hanno saputo mantenere anche l'individualità del singolo, mantenendo ognuno il suo spazio, la sua aria, la sua libertà di scelta, di confronto, di scontro. Però a parte tutto questo, trovo meravigliosa la tua lettera aperta, dove ogni capoverso, è prosa, è voglia di vivere l'attimo come fosse sempre il primo. E, se tutto questo c'è stato è possibile che anche il dopo possa essere meraviglioso.

    • eh già, è un discorso complicato e dalle diverse chiavi di lettura.
      Anche io penso sia difficile bruciare con la stessa persona da qui a che morte non ci separi, ma allo stesso tempo non si può lasciar spegnere del tutto quel fuoco che ti ha avvolto come niente prima. come dicevo prima bisogna mantenere viva la fiamma sempre e riuscire a sorprendere e sorprenderci quando, andando avanti, inevitabilmente si cambia.
      Grazie Mariella per i complimenti :))

  6. Chissà perché l'amore misterioso, "precario" è sempre quello che ci affascina di più! Quanto la facciamo complicata noi esseri umani! Tristemente e intrinsecamente insoddisfatti di tutto, ci annoiamo dopo un po' di pace e ricerchiamo inconsciamente la sofferenza...
    a parte queste mie elucubrazioni, mi è piaciuto molto questo brano Manuel, come dice Mariella una prosa ad ogni capoverso, una lettera accorata e soave al contempo, bravo!

    • Grazie Sara
      forse la facciamo complicata perché altrimenti non avremmo quei sogni che ci spronano a vivere?
      Chissà...
      comunque penso che ci siano anche molte persone che si accontentano (forse), ma non penso che siano quelle da invidiare 😉


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito