Cuori di cemento sfaldati,
ancora sangue ricopre le strade della nostra città,
morta…non persa, morta.
Ridicoli pagliacci dalle facce colorate.
“Hai pietà di me?
Ti rimane qualcosa per me?
Ti rimane negli occhi qualcosa per me?”
Quando l’artista è al lavoro conviene non disturbare, non parlare.

“Ehi angeli, il battito del vostro cuore
è contemporaneo al battito delle vostre ali?
Io non lo so ma se fosse così volerei come il vento.”
Seduti qua a guardare voi,
ci stiamo provando, vi stiamo guardando.
Ridicoli nelle vostre acconciature,
state colorando questa morta città con i colori delle stelle.

Ed un uomo sembra dire :
“Dove passo io tutto è magnifico,
nella mia casa non esiste la morte”

“Quanti anni ha lei signore?
Da dove viene lei signore?
Io non credo sia semplice come lei dice,
forse per questo mi appare tutto così distante.
Vedo ancora gli occhi felici di chi come me
ancora parlava con il sole.
Ma dove siamo?
Cosa ci hanno fatto?”

Clamorosa intervista a chi governa i nostri mali,
chi passa da qui sembra non rendersene conto,
ci salutano sorridendo e spariscono nel sole,
ti rimane poco della vita che conoscevi,
non hai uno straccio per curarti le ferite.
Mi diverto cantando e cantando sogno la vita,
che qualcuno ci governa senza chiederci
se è questa la triste strada che avremmo voluto percorrere.
“Torna in strada a fare il pagliaccio,
proveremo a guardarti facendo finta di divertirci.”

“Ti siamo grati, ma per quanto tu possa fare,
ricordati che non puoi niente contro la signora guerra.
Le nostre strade sono ancora coperte di sangue,
il cielo è pieno di angeli,
che corrono più veloci del vento:
siamo noi che speriamo di fuggire...
le nostre ali si stanno sfaldando,
ma non sono di pietra,
così rimaniamo in silenzio per capire
se sentiamo di più gli scoppi delle bombe
o i battiti dei nostri cuori.”

Selene Porcaro
Selene Porcaro
Era l'11 agosto del 1979 quando mia madre dopo dieci giorni di "travaglio" riuscì a mettermi al mondo all'ombra della Torre Pendente nella città di Pisa. Provengo da una famiglia con origini campane,molto numerosa e chiassosa ma che non cambierei mai con nessun'altra al mondo. Dopo le scuole medie nella cittadina in cui vivo ho frequentato il Liceo Classico a Pisa per tre anni per poi abbandonare tutto e mettermi alla ricerca di una me stessa che forse non avevo mai perso. Dopo vari lavori ho deciso di frequentare il corso per Operatore Socio Sanitario dell'Azienda Ospedaliera Universitaria Pisana e dopo la qualifica,presa nel dicembre 2010 lavoro da circa un anno con gli anziani. Ho iniziato a scrivere a otto anni,una sera guardando fuori dalla finestra della mia camera,molte cose sono cambiate nel paesaggio circostante ma la mia passione per la scrittura mai. Non potrei vivere senza scrivere,senza fare fotografie,senza ascoltare musica e senza leggere:questi sono i pilastri fondamentali della mia esistenza. Credo nella giustizia e nella lealtà,dico sempre quello che penso e lotto per le cose in cui credo. Amo la mia famiglia ed i miei amici ma soprattutto i miei numerosi nipoti. Ringrazio Dio o chi per Lui per avermi concesso questo meraviglioso dono che è la Vita.

Suoi ultimi post

3 Commenti


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito