Fijo de borgata (Torpignattara)

Io ce so nato, Torpignattara spaccateste, che soprannome,
se diceva che nun potevi entrà senza permesso,
ma potevi uscì de sera pure si c'avevi du anni e mezzo,
che nessuno te toccava manco si eri de mano lesto.
Storie de malandrini e de marpioni, ruffiani e caciaroni
cortelli e spari nella notte, ma sta sicuro che pe te
scendevano dalle case pure alle tre de notte.

Er mercato de matina era na festa, olive pane e un pò de quer vinello,
che Marchica cor guanciale accompagnava e a cantà pe l'officina ritornava.
Che bellezza quanno mi nonna me diceva de scenne a pija le sigarette,
er tabbaccaro li spicci nun c'aveva mai, ma nun me cojonava,
perchè de resto me dava sempre caramelle, quelle appiccicose, sei o sette.

Co ste muratti ambassador e le mou da ciancicà nun volevo mai rincasà.
Me facevo du passi pe la Maranella, storie brutte, storie de guerra;
ladri,bande e spacciatori co l'etica antica pure i vecchi truffatori.
Er confine de la ferovia a fa da spia,coi treni pe pantano e torre angela a segnà la via.
E la domenica era na festa,tutti a magnà la pasta alla burina, cannelloni abbacchio e patate,
pe conclude co le pastarelle de Signorini che annavo a comprà io,
che quanto erano bone lo sa solo Dio!

Lucio er gelataro dopo la partita della Roma,Cerezo Pruzzo crema e na spruzzata de nocciola!
Li giardinetti de piazza Roberto Malatesta co mi zia, le cerbottane, er pallone
la bicicletta pe la strada,che poi nero come er carbone te buttavi nella vasca e finiva la serata.
Quanto me mancano li tempi mia,sognalli ancora è un'utopia, ma ve dico sapete che c'è?
Io ce so nato, Torpignattara, borgata mia, tu m'hai fatto sempre sentì degno de te.

poeta solitario
poeta solitario
Sono passato,un pensiero ricorrente,quel senso di vita nuova che mi pervade vedendo il disfacimento del mondo che fu, in un tempo non mio. E' proprio quando tutto sembra perduto che bisogna affrontare la fine col sorriso,perché ogni fine è semplicemente l'anticamera di un nuovo inizio. Nato nel 1977 l'8 di Febbraio dopo varie passate continuo la ricerca del mio amore perduto e del mio vero Io.Ho appena pubblicato la mia prima raccolta intitolata "Sensazioni d'Autore",un viaggio interiore nel tempo e nello spazio scandito da note poetiche e narrative.

Suoi ultimi post

1 Commento

  1. io pure me ricordo quell anni della poesia pure io me li so vissuti pure se mo cio 50 anni . ciavevo mi madre che vendeva le olive proprio ar mercatome ricordo che io e mi fratello la sera li aiutavamo a fa li cartocci pe mettece le olive poi er giorno ar mercato quanno vendevi era na festa se rideva e scherzava co tutti mamma mia che bei tempi poi a l ora de chiusura la sirena che sonava che t avvertiva che era ora de chiude la dopo scoppiava la guerra dentro ar mercato volava de tutto da le mele a li carciofi pe gioca c era pero sempre quarcuno che s arrabiava e bestemiava. poi er pomeriggio a gioca apallone pe le vie de torpigna e tutti noi regazzini aspettavamo peppe er fusaiaro che tempi . bella torpignattara mia . mo cio mi madre la vecchia olivara de torpignattara che la mattina sta smpre la ar bar di fronte a spampinato e tutti la salutano chiamandola a no come stai ie vonno tutti un gran bene mo cia quasi 90 anni e una de le piu vecchie de torpignattara pure perche ce nata quanno ce racconta de la guerra ancora ie escono le lacrime vabbe ve saluto a tutti ciao a tutti li paesani de torpignattara


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito