Latitante in questo tempo,
io rapino a mano armata,
fuggo via col mio bottino,
di emozioni senza data.

Le casseforti son dei cuori,
combinazioni senza senso,
scassinatore dell'astratto,
apro quelle vuote dentro.

Per riempirle poi di sogni,
di speranze e di passioni,
chiudo rapido la porta,
corro via dalle illusioni.

Una taglia sulla testa,
piena di tanti pensieri,
hanno messo quei gendarmi,
che non mi vogliono tra i piedi.

Ma son qui sulla serranda,
con il piè sotto il lucchetto,
che il negozio dei miei anni
voglio aprire in un momento.

Prendo tutto senza fretta,
notte ormai è già di festa,
che impegnati un dì io resi,
libero da mani pien di pesi.

Ho rapito poi il passato,
riscattato col presente,
speronato a luci spente,
il futuro con la mente.

Giaccio qui nella boscaglia,
le sirene son spiegate,
mi è rimasta una bottiglia,
due marlboro e un po' di pace.

Che la fine sia il mio inizio,
ladro,nobile e disperato,
nessun rimpianto lascio in terra,
muoio, vivo, senza fiato.

Una luce all'orizzonte,
chiara e timida d'incanto,
apre strade incustodite,
dove non son messo al bando!

È la fine della storia,
del birbante truffatore,
che ha cercato quasi sempre,
forza, stimoli ed amore.

poeta solitario
poeta solitario
Sono passato,un pensiero ricorrente,quel senso di vita nuova che mi pervade vedendo il disfacimento del mondo che fu, in un tempo non mio. E' proprio quando tutto sembra perduto che bisogna affrontare la fine col sorriso,perché ogni fine è semplicemente l'anticamera di un nuovo inizio. Nato nel 1977 l'8 di Febbraio dopo varie passate continuo la ricerca del mio amore perduto e del mio vero Io.Ho appena pubblicato la mia prima raccolta intitolata "Sensazioni d'Autore",un viaggio interiore nel tempo e nello spazio scandito da note poetiche e narrative.

Suoi ultimi post

Nessun commento ancora, aggiungi la tua opinione!


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito