Verticale come una sigaretta
sai che si consuma ma continui a guardarne il fumo
una boccata di catrame lancina un pezzo di polmone
ma in fondo quanto vale per una pizza sul lungomare mentre fuori piove?

Un tiro arriva quasi al filtro ma non vedo più i tuoi occhi misto acqua,
porto in mano il posacenere della mia vita da svuotare,ma finché la scritta
non sparirà non lo svuoterò,

guardando fantasmi e bicchieri di vino abbandonati a croste di brie al miele.

poeta solitario
poeta solitario
Sono passato,un pensiero ricorrente,quel senso di vita nuova che mi pervade vedendo il disfacimento del mondo che fu, in un tempo non mio. E' proprio quando tutto sembra perduto che bisogna affrontare la fine col sorriso,perché ogni fine è semplicemente l'anticamera di un nuovo inizio. Nato nel 1977 l'8 di Febbraio dopo varie passate continuo la ricerca del mio amore perduto e del mio vero Io.Ho appena pubblicato la mia prima raccolta intitolata "Sensazioni d'Autore",un viaggio interiore nel tempo e nello spazio scandito da note poetiche e narrative.

Suoi ultimi post

2 Commenti


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito